Home / Breaking News / Rossano, sventata banda dedita ai furti in appartamento

Rossano, sventata banda dedita ai furti in appartamento

rossano

Il Commissario della Polizia di Rossano, Giuseppe Massaro

Quattro persone, tutte originarie di paesi dell’Est Europa, sono state tratte in arresto in flagranza di reato dal personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Rossano. I reati contestati sono quelli di resistenza a Pubblico Ufficiale, detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio, ricettazione, porto ingiustificato di arma impropria e possesso ingiustificato di strumenti atti allo scasso. Nel primo pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato, nell’ambito dei servizi straordinari del controllo del territorio, mirati soprattutto alla prevenzione e repressione dei reati predatori, hanno notato un’autovettura Opel Astra con targa di un paese dell’est europeo con a bordo quattro persone. Si aggiravano con fare sospetto tra le case della zona.

Dopo averli osservati e monitorati, il personale della Polizia di Stato ha intimato l’alt al veicolo per un controllo dello stesso e soprattutto dei quattro occupanti. Il conducente dell’auto, avvedutosi dell’intimato alt, immediatamente ha accelerato cercando in tutti i modi di sottrarsi al controllo. Ha quindi speronato l’auto con a bordo il personale del Commissariato e ha imboccato una strada in senso opposto a quello unico di marcia consentito. Dopo un inseguimento durato alcuni minuti l’auto è stata bloccata e immediatamente, con irruenza, gli occupanti si sono scagliati contro il personale della Polizia di Stato. Opportunamente bloccati, sono stati sottoposti a perquisizione personale; estesa successivamente anche al veicolo.

ROSSANO, TUTTO IL MATERIALE SEQUESTRATO ERA PROVENTO DI FURTO

Nel contempo sul posto, chiamato a rinforzo è sopraggiunto personale della Squadra Volante. I quattro arrestati hanno quindi desistito definitivamente dalle minacce e violenze volte alla resistenza al controllo. Nell’autovettura, è stata rinvenuta una borsa contenente numerosi arnesi utilizzati e destinati allo scasso e un coltellaccio a serramanico. Il personale della Polizia di Stato ha poi effettuato una perquisizione al domicilio di uno dei quattro fermati; durante la quale sono stati rinvenuti numerosi altri arnesi da scasso, sia usati che nuovi; un altro coltello simile a quello rinvenuto in auto; numerosi monili in oro del peso complessivo di oltre duecento grammi; un televisore; una play station e vari capi di abbigliamento; alcuni telefoni cellulari nuovi con relative scatole ed alcuni telefoni usati; e ancora occhiali da sole, scarpe, profumi, orologi. Precisando che tutto questo materiale appartiene a rinomate marche.

Inoltre, nascosti in un cassetto della cucina, sono stati rinvenuti due involucri in cellophane contenenti della sostanza stupefacente del tipo marijuana; un bilancino di precisione; un trita marijuana. Tutto il materiale è stato sequestrato e posto a disposizione dell’A.G. in quanto non sono state fornite valide giustificazione circa il possesso. Nel corso delle spontanee dichiarazioni rese al personale della Polizia Giudiziaria, uno degli arrestati ha confermate che il materiale a loro sequestrato era tutto provento di furto.

ARRESTATI TRASFERITI NEL CARCERE DI CASTROVILLARI

I quattro arrestati, su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, sono stati tradotti nella Casa Circondariale di Castrovillari. Il supporto della cittadinanza alle Forze dell’Ordine, con segnalazioni, anche in forma anonima, riguardanti fatti e circostanze riconducibili ad azioni illegali, risulta determinante per una prevenzione e repressione dei reati a 360°.

Commenta

commenti