Home / Breaking News / Rossano: sorpresi a rubare vestiti, arrestati tre romeni

Rossano: sorpresi a rubare vestiti, arrestati tre romeni

rossano

Il Capitano Carlo Alberto Sganzerla

Due donne e un uomo, R.A.M., classe 1995, C.M.A, classe 1982 e G.G., classe 1989 di nazionalità romena, sono stati tratti in arresto dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rossano per il reato di furto aggravato in concorso. I tre malviventi, intorno a mezzogiorno, si sono recati in un noto negozio di abbigliamento di Rossano, in viale Sant’Angelo. Approfittando dell’affluenza all’interno dell’esercizio commerciale dovuta agli ultimi giorni di saldi, hanno cercato di confondersi ai normali clienti intenzionati ad acquistare. Invece le due donne si sono impossessate di alcuni vestiti, alcuni dei quali hanno nascosto sotto gli abiti indossati dai tre, altri in svariati sacchetti con cui gli stessi erano entrati.

Dopo aver arraffato abbigliamento per un valore di circa duecento euro, si sono diretti con decisione verso l’uscita tentando di darsi alla fuga. Il loro intento, però, è stato interrotto dai dipendenti del negozio; che, insospettiti dai movimenti e dagli atteggiamenti, sono riusciti a bloccarli all’interno dell’esercizio commerciale e ad attivare i carabinieri. I militari, prontamente giunti sul posto, hanno raccolto le dichiarazioni dei lavoratori procedendo alla perquisizione ed all’ispezione dei sospettati. E hanno rinvenuto tutta la merce che i tre avevano asportato; tra cui molti capi ancora con i cartellini attaccati.

ROSSANO, UNO DEGLI ARRESTATI CONDANNATO AGLI ARRESTI DOMICILIARI

I tre sono stati quindi accompagnati alla Caserma di Rossano. Al termine delle formalità di rito su disposizione della Procura della Repubblica di Castrovillari che coordina le attività, sono stati condotti alle loro abitazioni in regime di arresti domiciliari; in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo, svoltosi questa mattina presso il Tribunale di Castrovillari, all’esito del quale gli arresti sono stati convalidati. Mentre l’uomo e una delle due donne non venivano sono stati ad alcuna misura, la seconda donna, avendo già dei precedenti specifici, è stata condannata a scontare quattro mesi di reclusione agli arresti domiciliari. La merce, già nella giornata di ieri, è stata restituita all’avente diritto.

Commenta

commenti