Home / Attualità / Rossano, scuole cittadine fucine di eccellenze

Rossano, scuole cittadine fucine di eccellenze

campioni-matematicaLa scuola è la più importante delle Istituzioni. È palestra di vita. Lo studio, con la fatica e i sacrifici che ne derivano, è una specie di tirocinio per affrontare il futuro. Nonostante il nostro Paese viva una situazione difficile che si riflette anche sulla qualità dell’istruzione, le scuole rossanesi continuano a produrre risultati notevoli e a generare eccellenze culturali, a partire già dalla prima infanzia. Questo grazie all’impegno costante dei docenti che si dedicano con passione e sacrificio al proprio lavoro.
Con queste parole il sindaco Antoniotti e l’assessore alla Pubblica Istruzione Stella Pizzuti, plaudono al successo di tre giovani studenti dell’Istituto Comprensivo III di Rossano – plesso “Via Nazionale”, Leonardo Figoli, Pierpaolo Capristo e Gianfrancesco Ammerata, che rappresenteranno la Calabria alle finali nazionali dei Giochi Matematici del Mediterraneo 2015, che si svolgeranno a Palermo, nel prossimo mese di Maggio.
Nel percorso formativo – dichiara il Primo Cittadino – è importante che si inseriscano anche queste iniziative ludiche. Attraverso il gioco, che stimola la sana competizione, infatti, i ragazzi vengono maggiormente stimolati ed incentivati a dare il meglio di sé. Imparano l’importanza della meritocrazia e, rapportandosi con realtà e contesti differenti da quello in cui vivono ogni giorno, possono ampliare il proprio bagaglio culturale e fare nuove esperienze. Ai piccoli Leonardo, Pierpaolo e Gianfrancesco, esprimo il mio apprezzamento e i più sinceri auguri da parte dell’Amministrazione Comunale e della cittadinanza. Così come mi congratulo con i genitori, che seguono e accompagnano i propri figli, offrendo loro la possibilità di partecipare a questo importante appuntamento. Ma soprattutto – continua Antoniotti – ringrazio le insegnanti Grazia Scorpaniti, Antonina Budroni, Giulia Sapia e Ina Serio, referente del Terzo Istituto di Rossano, che con il loro lavoro hanno consentito agli alunni di superare le prove di qualificazione.
Tutti insieme, docenti, genitori e istituzioni – aggiunge Pizzuti – dobbiamo impegnarci a fondo per convincere i giovani che la cultura costituisce un patrimonio imprescindibile per poter affrontare il domani, con tutte le difficoltà e gli ostacoli che la società attuale impone di superare. Perché altrimenti la scuola, lo studio, perderebbero ogni significato. Sappiamo bene – continua – quale senso di frustrazione colga molti laureati costretti a fare dei lavori sottopagati e mortificanti. Ma non dobbiamo togliere loro almeno la speranza di un domani migliore. Lo so che è difficile, ma l’unica strada da percorrere è quella che dia un senso all’istruzione. Fare in modo che i ragazzi capiscano che educare allo studio, come la maggior parte dei docenti si sforza ogni giorno di fare, al di là delle conoscenze che trasmettiamo, è un po’ come educare al lavoro. E lavoro – conclude l’Assessore – non significa solo fatica e sacrifici, ma anche soddisfazione e passione.
Lo scorso mercoledì 4 marzo 2015 si sono svolte, presso il Liceo Scientifico “E. Fermi” di Cosenza, le finali di Area dei Giochi Matematici del Mediterraneo 2015 organizzati dalla A.I.P.M. (Accademia Italiana per la Promozione della Matematica) “Alfredo Guidi”. Hanno superato la prova, qualificandosi così per la finale nazionale che si svolgerà a Palermo nel prossimo mese di maggio, Pierpaolo Capristo primo classificato per la classe terza, Leonardo Figoli primo classificato per la classe quarta, Gianfrancesco Ammerata secondo classificato per la classe terza, tutti della Scuola Primaria di “Via Nazionale”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*