Home / Attualità / Tra Rossano e la Russia a Villa Labonia

Tra Rossano e la Russia a Villa Labonia

italia-russia-villa-laboniaTra Rossano e la Russia vi sono delle comuni radici storiche bizantine sulle quali costruire e consolidare un rapporto di sempre maggiore conoscenza reciproca, di scambi socio-culturali e commerciali e di reciproco marketing territoriale. È in questa cornice di obiettivi condivisi che l’associazione “Italia – Russia, Cultura e lingua senza frontiere” presieduta da Olga KISSELEVA ha promosso, d’intesa con l’Amministrazione Comunale ed in collaborazione con la consigliera comunale Giovanna CURIA, un elegante momento d’arte, musica e danza. L’evento, dal titolo “Italia – Russia, Lingua della Musica senza frontiere” è destinato ad impreziosire ulteriormente la speciale vocazione delle belle Terrazze di Villa Labonia nella Città Alta, recuperate all’oblio, riqualificate e restituite alla comunità ed al territorio grazie all’impegno ed alle attività messe in campo dall’assessorato al turismo guidato da Guglielmo CAPUTO.
Sarà un sobrio viaggio ideale quello in programma domani VENERDÌ 22 e che, a partire dalle ore 21, attraverso la lingua della musica che non conosce frontiere ed ostacoli, accompagnerà il pubblico – anticipa Olga KISSELEVA – in un autentico percorso emozionale, artistico e storico dall’Italia alla Russia e viceversa.
La speciale serata, condotta dalla giornalista Stefania SCHIAVELLI, avrà come ospite d’onore il Preside Giovanni SAPIA Direttore dell’Università Popolare di Rossano e vedrà la straordinaria partecipazione dell’artista bulgara Polina NIKOLAEVA.
L’appuntamento di musica classica, vocale e strumentale, nell’ambito della 22° programmazione estiva della Città di Rossano, vedrà inoltre l’esibizione di Marilù BRUNETTI alla voce, di Maria VYAZIGINA all’arpa e di Antonio MACARETTI alla fisarmonica. – Il repertorio alternerà tra i brani più famosi della musica italiana e russa. Da “Oh, mio babbino caro” di Puccini (arpa e voce) alla Traviata di Verdi (fisarmonica e voce); da “Notturne” suonato solo con l’arpa alla “Romanza di Antonida” di M. GLINKA (voce e arpa); da “Quando m’en vò…” di Puccini (voce e fisarmonica) a “La Danza” di Rossini(fisarmonica); da “Moja Arfa” (La mia Arpa) di Glinka (Voce, Arpa) a “Pesnja d’ilineshni” (canzona d’ilineshni); da“Proshaj” (Addio) (voce, arpa) a “Polovezkij coro. Borodin” – Opera “Princepe Igor” (Voce, Arpa, Fisarmonica) ecc.
Co-protagonisti della manifestazione saranno anche i bambini con alcune esibizioni preparate ad hoc dalla Scuola di Ballo “Il Ritmo del Successo”, guidata da Sonia DE SIMONE e Francesca LE FOSSE. Le comuni radici bizantine saranno il filo rosso dell’evento. Oltre all’esposizione di prodotti artigianali russi, infatti, Natalino SCINO, giovane e brillante interprete dalla lingua russa, stimato animatore socio-culturale e promotore turistico di Rossano, della bizantinità e del territorio, nonché membro del dinamico sodalizio guidato dalla KISSELEVA, esporrà alcune delle sue famose icone realizzate nel solco della tradizione russa, tra le quali una copia di Pantocrator di SMOLENSKI e dei quadri raffiguranti paesaggi russi realizzati da Juri SOCHNEV, famoso pittore moscovita spesso ospite di Rossano Città d’Arte. – È prevista inoltre l’opportunità di degustare del caviale rosso russo ed altri prodotti tipici della gastronomia russa. – Nella splendida cornice di Villa Labonia ci sarà, infine, un angolo dedicato alla scuola russa dell’associazione Italia-Russia “Il Burattino”. Parteciperanno Antonio e Sabrina GRAZIANO con proposte di artigianato e sarà possibile visitare una mostra di disegni prodotti dai bambini della scuola.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*