Home / Breaking News / Rossano, rinasce la destra sociale. Alfieri guiderà il Movimento nazionale per la Sovranità

Rossano, rinasce la destra sociale. Alfieri guiderà il Movimento nazionale per la Sovranità

destra socialeCon la costituzione del Circolo “Rossano – Città dello Jonio” del Movimento Nazionale per la Sovranità, torna nel territorio dell’Area urbana un partito che si richiama ai valori veraci e tradizionali della destra sociale che furono dell’MSI, prima, e di Alleanza nazionale, poi. Ad accompagnarlo, l’emblema di sempre: la fiamma tricolore, simbolo di tante e storiche battaglie sociali, popolari e politiche. Ad annunciare la nascita di questa nuova realtà politica a destra è Rodolfo Alfieri, già dirigente di Alleanza nazionale e amministratore del Comune di Rossano, che guiderà il movimento nato dalla fusione de La Destra di Storace e Bontempo e di Azione Nazionale di Gianni Alemanno.Siamo nati – dice Alfieri – per riunire il popolo di destra che negli ultimi anni, specie dopo la chiusura dell’epopea di Alleanza nazionale, si era diviso in mille rivoli.

E il progetto del Movimento Nazionale per la Sovranità sulla creazione di una “casa comune”. Sarà anche il progetto del Circolo di “Rossano – Città dello Jonio”che vuole concorrere a rappresentare un territorio. Che – sottolinea Alfieri – va ben oltre i confini comunali. Ecco perché anche da Rossano partirà quella fase di confronto con tutti i partiti, i movimenti e le associazioni che si richiamano ai valori della destra italiana, da quella radicale a quella moderata. Crediamo, infatti, che la creazione di un polo “sovranista”, presidenzialista. Riformista e sociale, non possa fare a meno di alcuno. E che, dunque, le buone energie vadano tutte coinvolte perché è giusto lavorare insieme – soprattutto per chi viene dalla medesima storia politica.

ROSSANO, DESTRA SOCIALE: LEADERISMO E SETTARISMO SONO LE CAUSE DELLA DISTRUZIONE  

Ognuno con pari dignità e senza fughe in avanti. Da parte di nessuno. Ma, di contro, non siamo disponibili a chiedere a nessuno il permesso di esistere, non solo per dignità personale e comunitaria, ma soprattutto perché siamo consapevoli che il leaderismo e il settarismo sono le vere cause della distruzione del nostro mondo. E a Rossano ne abbiamo avuto l’esempio. Ricordo a me stesso – aggiunge Alfieri – che nel MSI e in Alleanza Nazionale convivevano le personalità più disparate e alternative, senza espulsioni o messe all’indice: chi voleva andarsene lo faceva per propria scelta. Era questo uno dei segreti della forza dei due partiti che storicamente hanno rappresentato la destra italiana.A Rossano e nel territorio dell’Area urbana. Continua Alfieri – il nostro lavoro di aggregazione sarà ancora più gravoso e impegnativo.

ROSSANO: ALLA GENTE SERVE UN LINGUAGGIO SEMPLICE

Perché oltre alla destra sommersa ci sono tanti elettori che si sono rifugiati nell’astensionismo. O nell’illusoria protesta del movimentismo tout court e che aspettano un messaggio nuovo. A questa gente dobbiamo parlare con un linguaggio semplice e responsabile di un sogno di riscatto. Di rinascita, di lavoro comune. Rossano, nell’auspicabile proiezione della fusione con Corigliano, deve uscire da ogni destino di declino. E percorrere la strada dello sviluppo, della crescita e del lavoro per dare una prospettiva positiva futura. Anche alle giovani generazioni. E tutto questo – conclude – lo dobbiamo fare da destra, visto che la sinistra. Nelle tante versioni, compresa quella del “renzismo” ha dimostrato il suo totale fallimento.

Commenta

commenti