Home / Breaking News / Rossano, Otto&Nove Gran Teatro non sta inviando promoter dai commercianti

Rossano, Otto&Nove Gran Teatro non sta inviando promoter dai commercianti

garofalo-giampetruzziOtto&Nove Granteatro non ha autorizzato agenti né promoter a richiedere contributi per alcuno sponsor, né a proporre pacchetti promozionali per gli spettacoli realizzati e in programma. Purtroppo, a quanto pare, i malintenzionati sono sempre dietro l’angolo. Chiediamo agli esercenti e agli imprenditori, vittime di un raggiro messo in atto nelle ultime settimane, di segnalare l’accaduto alle Forze dell’ordine, che sono state già messe al corrente da parte nostra e, in ogni caso, di non versare alcun contributo richiesto a nome e per conto della Compagnia.
È quanto denuncia il Presidente della compagine teatrale, Antonio Gianpetruzzi, allarmato per la vicenda paradossale che si sta verificando nelle ultime settimane, segnalata da numerosi commercianti i quali si sono trovati ad acquistare spazi pubblicitari di spettacoli inesistenti.
Siamo venuti a conoscenza di questa vera e propria truffa – aggiunge Gianpetruzzi – perché le vittime hanno versato il contributo dello sponsor a questo impostore, ma hanno successivamente riscontrato anomalie sia nelle date degli spettacoli, inventate a casaccio, che nelle mail e nei contatti che lo stesso ha fornito ai malcapitati per l’invio dei propri dati. Purtroppo sono numerosi i commercianti che l’imbroglione è riuscito a raggirare. Ecco perché – continua – vogliamo denunciare pubblicamente l’accaduto, avendo già avvertito le Autorità di pubblica sicurezza, affinché questa truffa non si reiteri e non crei ulteriori vittime, e affinché non si verifichi mai più che un qualsiasi impostore possa permettersi di usare il buon nome della nostra Compagnia per scopi lontani anni luce dal nostro modo di pensare e di operare, onesto e corretto. L’appello che lanciamo ai commercianti – conclude ilPresidente di Otto&Nove – è di stare attenti e segnalare immediatamente alle Forze di Polizia qualora si trovassero coinvolti in questa paradossale vicenda.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*