Home / Attualità / Rossano, oggi il sindaco incontra il Comitato di Bucita

Rossano, oggi il sindaco incontra il Comitato di Bucita

La collina che sovrasta l'impianto di Bucita

La collina che sovrasta l’impianto di Bucita

Era il 26 Agosto quando ho denunciato pubblicamente la presenza non di una tonnellata, non di un cassonetto, ma di 60 mila metri cubi di rifiuti di origine sconosciuta, non autorizzati, nella discarica pubblica di Bucita, sito già posto sotto sequestro per altre ragioni (disastro ambientale). L’ho denunciato carte alla mano.
In tutto questo tempo non ho fatto altro che chiedere, pubblicamente ed alla luce del sole, degli interventi politici ed istituzionali immediati, urgentissimi, indilazionabili per impedire che la presenza di questi rifiuti continui ad inquinare la terra su cui camminiamo e coltiviamo, l’acqua che beviamo ed in cui facciamo il bagno, per salvaguardare la salute delle comunità dell’intero territorio anche alla luce della inspiegabile escalation di malattie su cui nessuno (quasi) proferisce una parola.
Per sessanta giorni la classe dirigente di questo territorio, oltre alle istituzioni regionali e nazionali, è rimasta immobile, probabilmente troppo impegnata in trattative sottobanco per elezioni provinciali e regionali.
Oggi (15 ottobre) il Sindaco, dopo una richiesta di incontro formale, dopo ripetute richieste pubbliche, dopo una raccolta firme nelle contrade vicino alla discarica per rafforzare la richiesta, ha deciso di incontrare il comitato di Bucita di cui mi onoro di far parte.
Come sempre alla luce del sole e senza nessun tatticismo, nel rallegrarmi del fatto che il primo cittadino abbia deciso finalmente di discutere di questo argomento, trovo corretto e doveroso informare i cittadini del fatto che mi recherò all’incontro, insieme ad altri membri del Comitato più autorevoli di me, con spirito costruttivo e aperto alla massima collaborazione (come già fatto in passato) pur di ottenere interventi tesi alla risoluzione del problema ed alla salvaguardia della salute pubblica seppure, in tutta onestà, trovo l’immobilità istituzionale registrata a tutti i livelli, su una vicenda grave delicata come questa, semplicemente stomachevole.

Flavio Stasi
Referente Regionale Legge Rifiuti Zero

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*