Home / Attualità / Rossano, Officina Jonio Italia: “Su metro restiamo uniti”

Rossano, Officina Jonio Italia: “Su metro restiamo uniti”

foto_4Si è svolto ieri, nel centro storico di Rossano, presso la Sala Rossa di Palazzo S. Bernardino, l’atteso incontro-dibattito sulla proposta di realizzazione della metropolitana leggera di superfice che dovrebbe collegare Sibari con Crotone Aeroporto, organizzato dal laboratorio politico culturale “Officina jonio Italia” promossa da FdI-An.
Un incontro-dibattito, organizzato appositamente non come partito politico, presieduto da Ernesto Rapani (Coordinatore Officina Jonio Italia-Rossano), Gianfranco Turino (Coordinatore regione Calabria Officina Italia), Luigi Bitonti (Presidente Ass. PAIDEIA) e moderato da Serafino Caruso, che ha registrato la partecipazione di numerose cariche istituzionali rappresentanti le province di Crotone, con la presenza del presidente Stanislao Francesco Zurlo e dell’assessore urbanistica Salvatore Cosimo, e di Cosenza con quella dell’assessore ai trasporti Giovanni Forciniti.
Presenti in sala numerosi Sindaci a rappresentare le amministrazioni comunali della fascia jonica. Tra questi: Gianni Papasso (Cassano all’Ionio), Antonio Russo (Crosia), Alessandro Donnici (Mandatoriccio), Domenico Vulcano (Torretta crucoli), Michele Grande (Pres.consiglio Villapiana), Vincenzo Scarcello (Pres.consiglio Rossano), Rodolfo Alfieri (Ass. Comune Rossano). Notata invece l’assenza di rappresentanti Regionali, con l’eccezione del presidente facente funzioni Antonella Stasi e del consigliere Gianluca Gallo che, impossibilitati,  hanno fatto pervenire messaggi, e delle intere amministrazioni comunali di Rossano e Corigliano.
Ad aprire il dibattito è stato Ernesto Rapani che, coadiuvato dalla proiezione in sala di alcune diapositive riguardanti il flashmob organizzato dallo stesso nei giorni scorsi a bordo dell’unico treno rimasto attivo sulla tratta Sibari-Crotone, ha dapprima illustrato il degrado e l’abbandono oltre al disservizio che vive quest’ultima, passando successivamente ad esporre, al fine di garantire un adeguato servizio che possa consentire lo sviluppo turistico del nostro territorio, la proposta di realizzazione della metro leggera di superfice che dovrebbe collegare Sibari a Crotone Aeroporto attraverso la proiezione di alcune bozze progettuali. “L’intento – ha riferito Rapani – è quello di creare una rete di collegamento che parta da Sibari fino a Crotone Aeroporto che coinvolga, mediante struttura “a pettine”, l’intero comprensorio jonico e tutti i paesi della stessa entroterra. La realizzazione di questo progetto non precluderebbe comunque l’eventuale realizzazione dell’aeroporto di Sibari. Sono fiero, da Calabrese, delle infrastrutture presenti sulla parte tirrenica ma, non è possibile che la Calabria viaggi a 2 velocità diverse. Il 22 Luglio scade il termine per inoltrare alla UE la richiesta di partecipazione alla programmazione fondi 2014-2020, sarebbe un peccato non farlo, e tutti insieme”.
Successivi all’intervento di Rapani quelli Gianfranco Turino e dell’ Avv. Luigi Bitonti che, dopo aver ricordato il peso storico di questa vasta area, entrando più nel tecnico, hanno rimarcato la validità del progetto e gli effetti positivi che da questa potrebbero scaturire: dal miglioramento della qualità della vita in generale per tutti i residenti della vasta area jonica all’incentivazione che, a livello turistico e non solo, ne deriverebbe.
Il dibattito si è così concluso con l’intervento dei Sindaci e dei rappresentanti di associazioni presenti in aula. Recepito il messaggio lanciato da Rapani, unanime è stato quello condiviso da tutti: “Credere nella validità della proposta e impegnarsi, le amministrazioni locali tutte, a manifestare la volontà ed a voler stipulare un protocollo d’intesa tra essi stessi e le amministrazioni provinciali al fine di richiedere con una unica voce alla Regione Calabria di adoperarsi al fine di realizzare l’opera in questione. Il termine del 22 Luglio è vicino, sfruttiamo L’occasione”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*