Home / Attualità / Rossano, la mancanza d’acqua e quelle oscure manovre

Rossano, la mancanza d’acqua e quelle oscure manovre

chiavi d’arresto e condutture idriche

Rossano senz’acqua. E non solo ieri oppure oggi. Diverse zone della città sono senz’acqua da anni. Negli ultimi mesi la situazione è diventata davvero drammatica. Ieri, poi, con i rubinetti dell’ospedale cittadino a secco, si è superato davvero il limite della decenza e della sopportazione. Il problema c’è, è vero. La condotta del Macrocioli presenta diverse falle. Ma è anche vero che qualcuno continua a speculare su questa situazione. A voler mettere in difficoltà gli attuali amministratori. E i cittadini. Qualche politico non si rassegna a tirare i remi in barca. E continua a manovrare dall’esterno per far sì che l’acqua manchi a turno un po’ qua e un po’ là. Con i vari galoppini che eseguono.

BASTA CON QUESTI DISPETTUCCI, SI PENSI ALLA PENSIONE

E’ ora, invece, di cedere il passo. E smetterla con questi giochetti. Ci si goda la meritata pensione. Si lasci lavorare gli amministratori di turno. Senza sgambetti e dispetti. I cittadini di Rossano hanno diritto ad avere l’acqua nelle proprie abitazioni. Su tutto il territorio. Perché l’acqua è un bene primario. E quando la Soget manda la relativa cartella di pagamento a casa, nessuno scorpora i giorni senz’acqua per quelle famiglie colpite, da anni ripetiamo, da questo disagio. Che non si dovrebbe mai verificare. Sorical e Comune stanno lavorando a soluzioni più efficaci. Ma le condotte e soprattutto le chiavi d’arresto devono essere tenute sotto controllo. In modo tale che mandanti e manovratori possano essere scoperti e puniti. Adesso non se ne può proprio più. I cittadini meritano rispetto.

Commenta

commenti