Home / Attualità / Rossano, inaugurato Atelier Creativo alla scuola Petra

Rossano, inaugurato Atelier Creativo alla scuola Petra

rossanoAgorà 3.0: è questo il nome assegnato all’Atelier creativo inaugurato sabato 13 gennaio nell’ambito dell’Open Day della Scuola Primaria Petra. Un ambiente moderno dedicato alla multimedia comunication; dotato delle più moderne attrezzature multimediali ed uno spazio attrezzato per una web radio dalle potenzialità tutte da sviluppare e condividere con gli altri plessi dell’Istituto. Agorà 3.0 è nato per favorire l’incontro di studenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio; in particolare quelli che intendono sperimentare il learning by doing (imparare facendo). Uno spazio che produce ricerca, innovazione e inclusione. Dove gli alunni possono scoprire e sviluppare i propri talenti sperimentando processi educativi nei diversi ambiti del sapere. Situato nel plesso della Scuola Primaria Petra, è costituito da setting variabili: agoràdio e fablab.

ROSSANO, COS’E’ AGORÀDIO

La RADIO, per la sua versatilità e flessibilità, risulta essere un mezzo efficace per rivalutare una comunicazione verbale mirata allo sviluppo di competenze espressive all’interno di nuovi “paesaggi sonori”. La radio è altresì lo strumento più qualificato per far acquisire agli studenti, oggi sempre meno protagonisti di un’elaborazione autonoma e critica dei processi della comunicazione, la padronanza di modelli comunicativi.

E ancora una webradio con canali podcast per fare/registrare musica, produrre testi audio per la didattica inclusiva, interviste con autori di libri, personalità, presentazione e sviluppo dei progetti del PTOF (salute, ambiente, cittadinanza, inglese) incontri con i membri del Consiglio Comunale dei Ragazzi, lettura di passi di libri (audiolibri), giornale radio dell’Istituto, laboratori di approfondimento, intrattenimento, musica, interviste, collegamenti per dare spazio alla creatività del gruppo di lavoro (redazione). Inoltre teatro, cinema, musica, sport, incontri con personaggi, i giovani coi genitori, con gli anziani e con la società.

FABLAB: UN AMBIENTE INNOVATIVO

Un ambiente innovativo per realizzare oggetti con la stampante 3D legati alla cultura del territorio, un drone per riprese aree, fruibile anche da aziende e privati. Uno spazio dove realizzare stencil e etichette con il plotter, creare una testata giornalistica su stampa, una web tv per diffondere le esperienze didattiche anche come forma di raccordo per i diversi plessi dell’Istituto distanti tra loro e ubicati su una vasta area del territorio rossanese.

Nell’atelier gli alunni avranno la possibilità di sviluppare strategie mirate al problem solving, forme di creatività e di abilità. Per trovare, con strumenti innovativi, modi di esprimere significati attraverso l’applicazione, la sintesi o la riproposizione della conoscenza. Un ambiente ad alta flessibilità; dove essere protagonisti del percorso di apprendimento opportunamente progettato.  Le attrezzature scelte saranno un valido supporto agli alunni per lo sviluppo di una collaborazione fattiva tra pari per il raggiungimento di obiettivi comuni; e ai docenti che troveranno nell’atelier un luogo di incontro e di confronto per la didattica. L’atelier sarà attivo anche in orario curriculare per gli studenti dell’Istituto, per la nuova disciplina del curricolo “Storia della Calabria”. E proprio nell’atelier, dove gli studenti realizzeranno manufatti artigianali, troverà il suo luogo naturale di esplicazione.

COINVOLTE DIVERSE ACCREDITATE REALTA’

La nostra idea di atelier è in linea con la progettualità della scuola inerente il PNSD. Ed è il frutto dell’elaborazione all’interno del team per l’innovazione e del confronto con altri docenti. Le attività previste, le metodologie, i contenuti e le strategie didattiche prendono infatti spunto dalle priorità indicate nel RAV e nel Piano di Miglioramento.

Inoltre, per garantire un’alta qualità alle proposte che verranno attivate, sono state coinvolte diverse, accreditate realtà che operano sul territorio con le quali la scuola ha sottoscritto una dichiarazione d’intenti di collaborazione.

Commenta

commenti