Home / Breaking News / Rossano, il Piano di erosione costiera regionale danneggia economia turistica

Rossano, il Piano di erosione costiera regionale danneggia economia turistica

di REDAZIONE

psapianoSi è riunita lo scorso martedì 16 febbraio 2016 nel Palazzo di Città nel Centro storico di Rossano la Cabina di regia del Psa, convocata per  proseguire l’iter del Piano a conclusione della conferenza di pianificazione. Rivedere il Piano di erosione costiera è la priorità individuata e posta all’attenzione della Regione Calabria, a cui si chiede di valutare, sulla base di studi specifici corredati da indagini tecnico-scientifiche, la perimetrazione della classe di pericolosità P3 (massima) delle spiagge. E, contestualmente, di recepire e convalidare subito i Piani spiaggia con tutti i contenuti dei programmi attuativi, dando la possibilità ai Comuni di realizzare le infrastrutture primarie nelle aree costiere comprese nel Psa della Sibaritide.
Alla riunione, presieduta dal commissario straordinario di Rossano Aldo Lombardo, hanno partecipato tutti i rappresentanti dei comuni aderenti al Psa Sibaritide: il sindaco Giuseppe Geraci e l’assessore all’urbanistica del Comune di Corigliano calabro Raffaele Granata, il primo cittadino di Calopezzati Franco Cesare Mangone, il commissario straordinario del comune di Cassano Jonio Emanuela Greco ed il consigliere delegato al Psa del Comune di Crosia Giovanni Greco. Presente anche l’Ufficio del Piano, coordinato dal dirigente del settore Urbanistica del Comune di Rossano, Giuseppe Graziani.
I Comuni adotteranno a breve nelle rispettive consulte civiche il Psa che, dunque, diventerà a tutti gli effetti operativo e determinante per tutti i programmi di sviluppo del territorio.
Ma a tenere banco, durante la riunione, è stata soprattutto la situazione paradossale venuta a determinarsi con l’adozione del Piano di Bacino stralcio di Erosione costiera da parte del Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino regionale. Che ha classificato il litorale calabrese ad alta pericolosità di erosione.

Applicando tale condizione i piani spiaggia adottati dai Comuni, di fatto, si bloccherebbero e non si potrebbero più rilasciare concessioni demaniali se non quelle di sola posa di sdraio e ombrelloni, mettendo a repentaglio l’economia turistica estiva.
Pertanto i rappresentanti dei cinque comuni aderenti al Psa della Sibaritide, supportati da documentazione tecnico-scientifica che attesta una pericolosità di erosione non tale da essere posta ai livelli massimi di allerta, hanno sottoscritto un documento congiunto per chiedere al Presidente della Regione Mario Oliverio, all’assessore regionale ai Lavori pubblici, Roberto Musmano e all’Autorità di bacino,di riverificare i piani e adeguarli alle reali esigenze dei territori.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*