Home / Attualità / Rossano gemellata con la città turca Kars

Rossano gemellata con la città turca Kars

rossanoRossano candidata a gemellarsi con la città turca di Kars. Un’operazione che si inserisce nel progetto Libreria virtuale integrata; che sarà presentato nell’ambito del programma comunitario L’Europa per i Cittadini. Fra gli obiettivi sottesi al progetto custodire e rendere fruibile il patrimonio culturale materiale ed immateriale, storico ed architettonico della Città del Codex; attraverso la digitalizzazione delle proprie risorse. Fornire inoltre a studenti ed insegnanti uno strumento efficace ed innovativo. In grado di favorire le attività didattiche ed educative attraverso una fonte certa di informazioni verificate e attendibili. A darne notizia è l’assessore alle politiche comunitarie Serena Flotta. Precisando che il progetto, ancora in fase di preparazione, sarà sviluppato in partenariato con l’Università della Calabria.

 ROSSANO, I PRINCIPI SUI QUALI SI FONDA IL PROGETTO

“La nascita e la diffusione delle tecnologie digitali – dichiara la Flotta – ha cambiato i processi di conservazione, controllo e distribuzione del patrimonio culturale. Quindi in questa direzione abbiamo bisogno di capitalizzarlo, recuperarlo e preservarlo. Organizzando, elaborando ed assicurando l’accesso ai più; e rendendolo inoltre fruibile attraverso ogni mezzo di comunicazione. Grazie all’ufficio comunale Europa e alla collaborazione con l’Unical – conclude – sarà possibile realizzarlo mettendo a disposizione un ricco archivio facilmente consultabile.

La libertà di informazione e l’accessibilità universale alle informazioni, la conservazione del patrimonio intellettuale nazionale, il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale, la condivisione di risorse di informazione e documentazione. Sono, questi, i principi sul quale si fonda il progetto. La digitalizzazione ha stimolato lo sviluppo di un’ontologia integrata e condivisa per l’informazione sulle collezioni detenute dalle istituzioni di memoria. È stato solo poco tempo fa che sono stati applicati standard comuni per la maggior parte degli archivi digitali e dei sistemi di accesso. In precedenza, l’assenza di preoccupazione per l’utilizzo di standard comuni ha impedito la coerenza nel recupero del contenuto digitale e l’accesso ad esso.

Commenta

commenti