Home / Breaking News / Rossano: Fuochi di San Marco, imbastita polemica assurda e inutile

Rossano: Fuochi di San Marco, imbastita polemica assurda e inutile

di REDAZIONE

aldo lombardo“Non trova alcun legittimo e giustificato fondamento la polemica che, ormai da qualche giorno, sta aleggiando in Città sulla presunta possibilità che la manifestazione, quest’anno, possa essere celebrata in tono minore rispetto agli altri anni”. Lo si legge in una nota stampa emanata oggi, 07 aprile, dal comune di Rossano, volta a sedare gli animi e a replicare alle critiche piovute nelle ultime ore sull’amministrazione per il rito dei Fuochi di San Marco.
Il programma dell’evento è stato redatto ed è in via di definizione. Per molti aspetti il cartellone dell’edizione 2016 è stato rivisto e migliorato. Non si capisce, pertanto, tanto astio e acredine nei confronti dell’apparato comunale. Il quale ha, invece, il grande merito di aver coinvolto nel progetto tanti partner privati, tra i quali il settimanale Eco dello Jonio – main sponsor dell’iniziativa, che garantiranno qualità, spessore ed il giusto riscontro ad una delle manifestazioni popolari più importanti della Calabria.
A fare chiarezza e a rispondere alle accuse mosse nei confronti dell’Ente dall’ex Vicesindaco Guglielmo Caputo è il Commissario straordinario Aldo Lombardo. Lo stesso che, proprio stamani (Giovedì 7 Aprile), in merito all’accaduto – che tra l’altro ha fatto registrare la pubblicazione impropria sui social network di un parere interno al Comune – ha inoltrato un’informativa alla Prefettura di Cosenza e per conoscenza alla Procura della Repubblica di Castrovillari.
I Comuni – ricorda Lombardo – non sono più nelle condizioni e nelle possibilità di investire risorse in manifestazioni né prevedere capitoli di spesa che non rientrino prettamente nell’esigenza di erogare servizi al cittadino. Questo, a seguito dell’entrata in vigore, dal 1 gennaio 2016, del cosiddetto bilancio armonizzato che, in buona sostanza, consente di prevedere spese per quante sono le entrate. Ecco perché trovo ingeneroso e del tutto spropositato l’attacco mosso nei confronti del direttore di ragioneria Antonio Le Fosse e del dirigente dell’Ufficio Turismo Domenico Costarella, e di riflesso nei confronti di tutto l’apparato burocratico comunale, che invece si sono assunti la responsabilità di applicare le regole.
La 180esima edizione della Notte dei Fuochi di San Marco – precisa ancora il Commissario straordinario – si farà, sarà portata avanti la tradizione di questa Città, in un contesto di festa degno delle altre edizioni. Grazie proprio al lavoro degli uffici quest’anno abbiamo indetto una manifestazione di interesse che ha riscosso la partecipazione entusiasta di una trentina di partner privati ed un maggiore coinvolgimento dei commercianti del Centro storico. Tra questi l’impegno del settimanale L’Eco dello Jonio, main sponsor dell’evento, che ringraziamo per l’importante impegno economico che ha voluto garantire per la promozione e la buona riuscita dell’iniziativa. Proprio attraverso questa importante sponsorizzazione riusciremo a garantire non solo le spese, che fino allo scorso anno erano a carico dell’Ente, ma anche ad organizzare alcune delle principali manifestazioni di piazza. Inoltre, abbiamo rivisto la programmazione degli anni scorsi, rimodulandola e a nostro avviso migliorandola attraverso l’introduzione di nuove iniziative che renderanno ancora più solenne e importante la manifestazione. Che presenteremo ufficialmente il prossimo Giovedì 14 Aprile nel corso di un incontro pubblico.
Estendo pertanto l’invito ai cittadini e ai visitatori della Città del Codex – conclude il Viceprefetto Lombardo – a partecipare alla 180esima Edizione della Notte dei Fuochi di San Marco, certo che sapremo garantire accoglienza ed una serata degna della sua memoria e tradizione.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*