Home / Breaking News / Rossano: frana Pantasima, urgono interventi

Rossano: frana Pantasima, urgono interventi

Giuseppe AntoniottiLa frana di contrada Pantasima, lungo la provinciale Rossano-Sila, rimane monitorata costantemente dagli Uffici comunali e dal centro Com della ProCiv. Nelle scorse settimane, a seguito di un approfondito sopralluogo effettuato il 17 e 18 giugno 2014 congiuntamente dal Sindaco Antoniotti, dai responsabili dell’Ufficio tecnico del Municipio e della Provincia, e dalla Protezione civile regionale, il Comune, nonostante non abbia alcuna competenza sull’arteria, su input dell’Amministrazione civica, ha commissionato prima uno studio geologico e, successivamente, predisposto un progetto preliminare di risanamento del costone. Il piano, presentato agli Enti sovra comunali (Provincia e Regione) per essere finanziato, è stato però rigettato.
È quanto fa sapere il Primo cittadino, Giuseppe Antoniotti, che continua a rimanere attento alla problematica che interessa la strada di accesso alla zona montana cittadina, in contrada Pantasima, subito a ridosso del Centro storico.
I tecnici comunali – dichiara il Sindaco – continuano a monitorare costantemente lo stato della frana, che al momento sembra statica ma che necessita di un immediato intervento da parte degli enti che ne hanno l’autorità. Da più tempo stiamo sollecitando sia la Provincia, proprietaria della strada su cui si sta verificando il dissesto, sia la Protezione civile regionale, che pur rimanendo attenti al problema, al momento si sono detti impossibilitati ad avviare le opportune opere di risanamento per mancanza di risorse economiche. Per quanto ci riguarda – prosegue Antoniotti – stiamo provvedendo ad intercettare l’ennesimo finanziamento extrabilancio così da provvedere direttamente, ove possibile, alla messa in sicurezza della strada. Ovviamente dispiace che, soprattutto in Provincia, continuano ad essere spesi soldi pubblici per le necessità più disparate, in pubblicazioni e convegni su tutti, e poi non si trova qualche migliaia di euro per effettuare un lavoro così importante per l’incolumità pubblica, continuando – conclude il Sindaco – a rimpallare competenze e responsabilità con altri Enti, così come si sta facendo, in questo caso, con la Regione.
Il progetto preliminare redatto dall’ufficio tecnico comunale, realizzabile con un importo di circa 230mila euro, prevede il risanamento dell’intero costone con la realizzazione di un muro di sostegno in cemento armato, alto otto metri e lungo trenta, e di tutte le opere annesse. Il rilevamento dettagliato dello stato dei luoghi, effettuato dal geologo Tonino Caracciolo – si legge nella relazione dell’ufficio tecnico comunale – ha permesso di raccogliere ulteriori informazioni sullo stato della frana che, in ogni modo, seppur apparentemente statica, rimane ancora attiva e quindi necessitante di interventi urgenti.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*