Home / Breaking News / Rossano: consuntivo 2014, opposizione farneticante

Rossano: consuntivo 2014, opposizione farneticante

forza-italia-rossanoLe farneticazioni della minoranza e di qualche ex amministratore, il cui operato è stato bocciato sonoramente dall’elettorato, offendono l’intelligenza dei cittadini. Il Comune di Rossano, proprio grazie al lavoro che sta compiendo il Governo Antoniotti sin dal suo insediamento nel risanamento dei conti pubblici, non è in dissesto. Non lo diciamo noi. Lo dicono i numeri e lo ha ratificato in modo ufficiale anche l’organo di supervisione dei Revisori dei conti che ha espresso parere favorevole sull’approvazione del Consuntivo 2014. Insomma, ancora una volta, rimaniamo allibiti per l’ennesima uscita, del tutto fuori luogo, dei rappresentanti consiliari del Centro sinistra, figli di quel modo di gestire l’Ente che aveva creato una voragine, un vero e proprio buco nero, nelle casse comunali, pronti a polemizzare sul nulla, ma attenti a non dire nemmeno una parola sui disastri del Governo nazionale che sta mettendo in ginocchio i Comuni italiani. Dunque, siamo soddisfatti dell’esito dell’ultima Assise civica che ha approvato il rendiconto finanziario e che, tra l’altro, ha fatto registrare le attese quanto giuste dimissioni da presidente della Commissione urbanistica del capogruppo di Fratelli d’Italia, oggi all’opposizione.
Ad intervenire sulle polemiche sollevate dai gruppi consiliari di minoranza, a seguito dell’ultima seduta del Consiglio comunale dello scorso mercoledì 29 aprile durante la quale è stato approvato il Conto consuntivo per l’esercizio finanziario 2014, è il capogruppo di Forza Italia, Adele Olivo.
Ancora una volta abbiamo approvato un consuntivo di sacrificio. Ancora una volta – ribadisce Olivo – abbiamo dovuto far quadrare i conti per gestire una Città che rispetto a cinque anni fa ha subito un taglio di trasferimenti dell’oltre il 60percento e che nonostante tutto si è assunta ilcarico di onorare i debiti del passato. Quelli per i quali è stata battuta cassa nel 2014 ammontano a circa un milione di euro: 700mila euro per chiudere un contenzioso sorto nel ’93 e oltre 300mila euro per un passivo maturato tra il 2006 ed il 2011 nella vertenza dell’ex Sibaritide spa, rateizzato e mai pagato dalla precedente gestione Centro sinistra. Di cosa parlano Micciullo, Marino, Graziano e Trento? Su cosa fondano la polemica? Sul nulla. Del resto, capiamo che anche per loro le elezioni sono vicine ed il fatto di ritrovarsi fintamente uniti, legati probabilmente da soli interessi elettorali e di propaganda, è un modo per farsi notare dai cittadini. Gli stessi che hanno capito, già dal 2011, le sciagure partorite dall’Amministrazione di Centro sinistra. Sono rimasti loro, in solitaria, insieme all’ex sindaco, gli unici a difendere ostinatamente – prosegueOlivo – quel non-modello di gestione della cosa pubblica. Sul consuntivo 2014, la cui approvazione è stata ratificata dal parere favorevole dei Revisori dei conti (sicuramente non un organo amico dell’Esecutivo Antoniotti), abbiamo delle certezze inconfutabili: abbiamo abbattuto di gran lunga l’anticipazione di cassa e abbiamo rispettato i parametri deficitari così come il patto di stabilità, adottando scelte politiche forti e coraggiose, che hanno portato anche all’esenzione della Tasi. L’ennesima tassa truffa, inserita dal Governo Renzi, amico del Centro sinistra locale, che è stata azzerata volutamente per non gravare sulla prima casa. Ecco perché – scandisce ancora il Capogruppo di FI – ci sarebbe piaciuto conoscere la posizione degli amici dell’opposizione sulle politiche finanziarie nazionali che hanno tagliato i trasferimenti ai Comuni e che hanno svuotato le casse dei fondi per i servizi sociali del Meridione. Non lo diciamo noi, ma Pietro Fassino, presidente nazionale dell’Anci nonché figura di spicco nazionale del Pd. Ma agli amici consiglieri di minoranza questo non interessa. E sappiamo anche il perché! In quanto continuano a vivere, per loro fortuna, in una Città governata, con il cuore e con la testa, dalla politica del fare. Quella stessa classe politica che ha il merito di non aver tagliato un centesimo, nonostante le difficoltà, sui servizi al cittadino, sugli anziani, sui disabili, sui bambini. Ed è per questo – chiarisce il consigliere forzista –  che i quattro cavalieri, reduci dell’apocalisse amministrativa del centrosinistra, continuano, senza vergogna, a mistificare tutto e a farneticare su tutto.

Insomma, il sì espresso dal gruppo consiliare di Forza Italia e dalla maggioranzaall’approvazione del conto consuntivo, è stato convinto e motivato non solo per la costante condivisione del metodo di gestione approntato dall’Esecutivo Antoniotti ma anche perché siamo sicuri che tecnicamente non c’era modo migliore di gestire le casse dell’Ente. Consapevoli, come siamo, che per governare Rossano serve innanzitutto correttezza e buonsenso, non solo da parte di chi amministra ma anche di chi è chiamato a svolgere un ruolo di positiva opposizione e di critica. E, a proposito – aggiunge la Olivo – a nome del gruppo di Forza Italia, condivido a pieno, anche alla luce delle chiare, stringenti ed inequivocabili obiezioni mosse dai colleghi Lorenzo Antonelli e Stefano Mascaro, la decisione comunicata all’Assemblea dal capogruppo di Fratelli d’Italia Ernesto Rapani, di voler dimettersi da presidente della Commissione urbanistica. Una decisione saggia – conclude il massimo rappresentante consiliare di Forza Italia – che coincide con la scelta dello stesso Rapani, assunta più di un anno addietro, di volersi porre in opposizione rispetto a questa Amministrazione comunale. Probabilmente è stata una determinazione maturata in ritardo, ma comunque assunta sulla scorta di un’ormai oggettiva incompatibilità di ruoli.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*