Home / Breaking News / Rossano, concluse indagini per 32enne accusato di sequestro

Rossano, concluse indagini per 32enne accusato di sequestro

 

rossanoConcluse le indagini per un trentaduenne rossanese indagato per un grave episodio di sequestro di persona avvenuto a Rossano. La misura è stata adottata dal Pubblico Ministero del Tribunale di Castrovillari. L’uomo è assistito e difeso di fiducia dall’avvocato Giuseppe Vena. L’uomo è risultato essere destinatario di un avviso della conclusione delle indagini preliminari per il reato perpetrato ai danni di un soggetto di nazionalità straniera, rumeno, residente a Rossano. L’avvocato Giuseppe Vena ha, quindi, depositato una memoria difensiva in favore del proprio assistito; in cui ha richiesto l’archiviazione del caso.

Nel particolare dei fatti, il Pubblico Ministero ha iscritto il trentaduenne nel registro degli indagati perché a suo carico vi sono, secondo l’accusa, gravi e precisi indizi di colpevolezza; nella formulata ipotesi contestata di sequestro di persona. Avrebbe infatti obbligato con forza il cittadino straniero ad entrare in un magazzino dove lo avrebbe chiuso a chiave. Privandolo della sua capacità di autodeterminazione e della propria libertà personale.

ROSSANO, LO STRANIERO HA RICHIESTO UN PRONTO INTERVENTO LIBERATORIO

Lo straniero, dopo alcune ore, sarebbe riuscito a telefonare alla locale compagnia carabinieri e richiedere un pronto intervento liberatorio. I militari della benemerita raggiunto il luogo del reato, effettivamente hanno trovato l’uomo rinchiuso all’interno del magazzino che gridava ad alta voce. A seguito di tali fatti il rossanese è stato condotto nella caserma dei carabinieri. Stante la flagranza del reato, è stato tratto in arresto per il reato di sequestro di persona. Nell’immediatezza dei fatti l’uomo ha inteso nominare quale proprio difensore di fiducia il penalista coriglianese Giuseppe Vena.


Commenta

commenti