Home / Attualità / Rossano, amministrazione in lotta con l’abusivismo pubblicitario

Rossano, amministrazione in lotta con l’abusivismo pubblicitario

stemma-rossanoROSSANO – Prosegue la lotta contro l’abusivismo e l’affissione selvaggia. È necessario adeguare le tariffe ed il Piano generale degli impianti pubblicitari allo sviluppo urbanistico cittadino. I titolari degli impianti pubblicitari esistenti e installati in modo difforme dall’autorizzazione, o privi dei permessi, o muniti di titolo scaduto e non rinnovato, possono richiedere al Comune la regolarizzazione. I termini per la sanatoria da parte degli interessati, sono stati prorogati al 31 marzo 2014.
È quanto rende noto l’Ufficio Risorse e Programmazione. L’Amministrazione comunale – fanno sapere dal Palazzo di Città – intende perseguire quanto contenuto nella norma in relazione all’emersione volontaria dell’abusivismo, procedendo ad una nuova disciplina e regolamentazione degli impianti e cartelli pubblicitari. Pertanto è stato necessario integrare il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari, prevedendo l’inserimento nella parte “Norme di Attuazione” del punto 8 “Sanatoria”, disponendo che i titolari degli impianti pubblicitari esistenti, installati in maniera difforme dall’autorizzazione ricevuta, privi di autorizzazione, o con autorizzazione scaduta e non rinnovata, possono richiedere al Comune la regolarizzazione, inoltrando specifica istanza entro e non oltre alla scadenza del 31 marzo 2014. Il comune, a seguito dell’istanza ricevuta, ne verificherà la possibilità a norma del regolamento comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni e, in caso positivo, indicherà le opere e modifiche da apportare, stabilendo un termine, non superiore a 30 giorni, per la loro esecuzione. Decorsi i termini di scadenza, o nel caso in cui il Comune dovesse riscontrare l’insanabilità delle irregolarità, ai mezzi pubblicitari irregolari, si applicheranno le procedure di rimozione stabilite dalla legge e dal regolamento, con le relative sanzioni pecuniarie. La regolarizzazione dei mezzi pubblicitari prevede il pagamento di un canone per ogni anno accertato o definito, nella misura stabilita per le diverse tipologie di impianti e mezzi pubblicitari.
Contemporaneamente, si procederà all’individuazione di nuovi siti da inserire nel Piano Generale degli Impianti pubblicitari ed alla rielaborazione delle tariffe stabilite precedentemente, che prevedono prezzi troppo elevati e per questo fuori mercato.  Mentre la Polizia Municipale sta provvedendo alla costituzione dell’anagrafe degli impianti, grazie ad un certosino lavoro di censimento di tutte le installazioni presenti sul territorio comunale.
Per maggiori info è possibile rivolgersi agli uffici del comando della Polizia Municipale, in Piazza Matteotti, nel Centro storico (0983-520636) o agli Uffici Tributi, sede comunale distaccata, Palazzo – Ex ghiacciaia (0983-529350).

Commenta

commenti