Home / Attualità / Rossano: a rischio muro sostegno provinciale Rossano-Sila. Cosa si aspetta, la tragedia?

Rossano: a rischio muro sostegno provinciale Rossano-Sila. Cosa si aspetta, la tragedia?

Particolare della crepa nel vecchio muro di sostegno in pietra

di Serafino Caruso

La strada provinciale Rossano – Sila è la strada principale che collega il centro storico di Rossano con la montagna e alcune frazioni collinari. Ebbene, su quest’importante arteria stradale la manutenzione, da anni, è molto carente, ma da ormai qualche tempo c’è un tratto di essa a serio rischio crollo. E’ quello compreso tra la chiesa di san Bartolomeo di Rossano e contrada Pantasima, dove un muro di sostegno e tutta una parete mista di cemento e terra sta per venire giù. Si possono notare, ben visibili, vistose crepe nei muri di sostegno a valle e crepe nella carreggiata della parte superiore del tracciato. Insomma, la strada potrebbe venire giù da un momento all’altro e le crepe nel muro di sostegno della parte inferiore lo testimoniano. Le conseguenze, inutile rimarcarlo, potrebbero essere drammatiche tanto per il pericolo di causare vittime quanto per la conseguenza di impedire il transito da Rossano per la Sila e viceversa. Anche perché le condizioni della strada del Patire sono pessime. Qualche anno fa gli organi competenti hanno installato dei “vetrini” alle crepe dei muri di sostegno (lo possiamo vedere dalle foto) per misurare la dilatazione delle crepe. Alcuni vetrini sono letteralmente saltati, altri sono al limite. Il che testimonia il fatto che le crepe si stanno costantemente ingrandendo. Della faccenda si è occupato recentemente anche il coordinatore regionale calabrese di Fratelli d’Italia ed ex consigliere comunale di Rossano, Ernesto Rapani. Le sue denunce, però, sono rimaste inascoltate.

Cosa aspettiamo, quindi, prima di intervenire? Aspettiamo la tragedia? I morti? No: quì si deve intervenire immediatamente e tutti gli organi competenti sono chiamati ad effettuare sopralluoghi e porre le necessarie misure preventive prima che avvenga la tragedia.

Commenta

commenti