Home / Attualità / Rossano 5 Stelle dice “Sì” alla fusione Corigliano-Rossano

Rossano 5 Stelle dice “Sì” alla fusione Corigliano-Rossano

L’avv. Pasquale Catalano, membro del gruppo Rossano 5 Stelle

Il gruppo Rossano5Stelle, già Corigliano e Rossano “Le città del Sole”, quest’ultimo costituito nella primavera del 2014, ribadisce espressamente la propria adesione alla fusione dei due comuni Corigliano e Rossano. Del nuovo gruppo di attivisti fanno parte molti esponenti che già nel 2014 si erano attivati per lanciare la proposta di fusione tra le due città. Denominata, appunto, Corigliano e Rossano: le Città del Sole. Nel luglio del 2014 si sono attivati con la distribuzione dei volantini pro fusione sul lungomare di Rossano. Oltre che a seguito dell’impegno preso nella riunione congiunta del 27 giugno 2014 dalle amministrazioni comunali. Gli iscritti al gruppo Rossano5Stelle non solo voteranno SI il 22 ottobre, ma continueranno la loro opera di positiva diffusione e di sostegno alla fusione. Al contempo prendono le distanze in maniera netta dal consigliere del M5S di Corigliano Ciccio Sapia. E dissentono dalla sua opera di propaganda per il NO mediante l’utilizzo improprio del logo del M5S di Beppe Grillo.

FUSIONE VUOL DIRE INNUMEREVOLI BENEFICI FINANZIARI ED ECONOMICI

Il logo di Corigliano-Rossano “Le Città del Sole”

Tale presa di posizione si è resa necessaria alla luce della confusione innescata da detto Consigliere di Corigliano e la sua avversione verso la Fusione, nonostante abbia votato a favore della delibera del Consiglio Comunale di Corigliano. Tutto questo ha ingenerato evidente disappunto nell’opinione pubblica e molto malumore tra gli iscritti e simpatizzanti del Movimento 5 Stelle. Rossano5Stelle ritiene che potrà finalmente esserci, con la fusione tra i due Comuni, uno spiraglio di luce e concrete prospettive nella nuova e futura realtà territoriale. L’interesse e le aspettative si rafforzano se si pensa agli innumerevoli benefici finanziari ed economici che la fusione apporterà direttamente alla nuova polis Corigliano-Rossano.
· Contributi straordinari statali, annuali e per dieci anni pari al 10% dei trasferimenti erariali attribuiti ai due bilanci comunali;
· Fondi dalla Regione, consistenti nell’erogazione di un contributo straordinario una tantum e di incentivi finanziari ordinari annuali per dieci anni;
· Fondi P.I.S.U. (Progetti Integrati di Sviluppo Urbano), P.A.I. (Progetti per le Aree Interne) e Fondi P.S.A. (Piano Strutturale Associato);
· Possibilità di operare al di fuori del patto di stabilità per due anni.

FUSIONE: ULTIMO TRENO PER RILANCIARE IL TERRITORIO

Per non parlare poi dei benefici politici, economici e sociali: la nuova Città, con circa 80.000 residenti, diventerebbe la 3° città della Calabria con reali possibilità di avere una rappresentanza politica, sia in Parlamento che alla Regione, più incisiva, efficace e radicata nel territorio e con sicure possibilità non solo di arrestare l’emorragia che ha colpito l’intero terziario, ma soprattutto di ottenerne il ripristino di tutti gli uffici amministrativi e presidi sanitari e altro del circondario già ridimensionati o soppressi. L’iniziativa dei pentastellati di Rossano viene presa proprio nel timore che non sia stata colta appieno la grandezza e unicità della cosa.

Inutile nascondersi: si tratta dell’ultimo treno per rilanciare questo territorio. E metterlo al riparo da ulteriori scippi e soprusi istituzionali e dall’inarrestabile fuga di giovani e meno giovani, in cerca di lavoro e prospettive migliori in un territorio debole e di conseguenza avaro e sordo alle varie istanze ed esigenze. Il Gruppo Rossano5Stelle, auspica che i tanti cittadini di Corigliano e Rossano sappiano cogliere questa grande opportunità sociale, economica, amministrativa e politica ormai alle porte. Difficilmente ripetibile in futuro, per il bene di tutti e delle giovani e future generazioni.

(comunicato stampa)

Commenta

commenti