Home / Ambiente / Roseto Capo Spulico: Acqua potabile il Comune dichiara lotta a sprechi e perdite

Roseto Capo Spulico: Acqua potabile il Comune dichiara lotta a sprechi e perdite

rosetoUna task-force composta da uomini e mezzi per scoprire e neutralizzare le perdite sulla rete idrica a Roseto. Ma anche per intercettare i consumi impropri della dotazione idrica comunale e ottimizzare così l’utilizzo dell’acqua potabile.

L’ha messa in piedi l’esecutivo comunale guidato dal sindaco Rosanna Mazzia prevenendo così il periodo estivo durante il quale. Anche a causa dell’afflusso delle presenze turistiche, il consumo dell’acqua cresce in modo esponenziale.

«Non si tratta – ha scritto il primo cittadino – di un nuovo gioco di società e neanche lavori di ordinaria manutenzione. Ma di lavori impegnativi messi in cantiere per razionalizzare l’uso dell’acqua potabile e per ridurre il consumo-medio del comune di Roseto che risulta abnorme e ingiustificato».

ROSETO ACQUA POTABILE

Ingiustificato perché, se è vero che durante l’estate la popolazione residente arriva anche a 30mila abitanti. E’ vero pure che durante gran parte dell’anno si riduce ai minimi termini per cui gli attuali consumi si possono giustificare solo con le perdite e con il consumo improprio dell’acqua.

«Già da mesi – ha aggiunto l’avv. Mazzia. – L’acqua in entrata è sotto controllo ed ora è arrivato il momento di verificare dove il prezioso liquido si perde nel sottosuolo…ma anche dove noi cittadini la usiamo male.

Perché quello dell’acqua potabile è un costo eccessivo che il comune, e quindi le famiglie, non possono continuare a sostenere. Prima di passare alla lettura “a consumo” dobbiamo mappare la rete idrica comunale e rilevare perdite ed eventuali utilizzi impropri.

L’abitato è stato costruito in modo disordinato e non sarà quindi semplice rimettere ordine nelle cose ma alla fine. Ne sono certa, ne beneficeremo tutti ed è per questo che chiedo la massima collaborazione. In caso di disagi, non fatevi alcun problema a segnalarli al Comune».

Fonte: La Provincia Di Cosenza

Commenta

commenti