Home / Attualità / Rischio amianto nelle zone terremotate: l’unione sindacale di base dei Vigili del Fuoco chiama in causa il ministero

Rischio amianto nelle zone terremotate: l’unione sindacale di base dei Vigili del Fuoco chiama in causa il ministero

DI REDAZIONE

vigili-del-fuoco-terremoto-abruzzo6_157498-e1292876248883 Definito come il killer numero uno per molte categorie di lavoratori, che quotidianamente sono a rischio, l’amianto e la contaminazione per via aerea ed il semplice contatto sono realtà molto presenti anche in compagini lavorative come gli operatori del soccorso, specialisti e volontari. La sensibilità e l’attenzione della nostra organizzazione sindacale USB VVF, che da sempre ripone a questo argomento, hanno prodotto una nota indirizzata al ministro Alfano avente in la richiesta di controllo delle zone di cratere colpito dal sisma da un eventuale rischio amianto, la richiesta di campionatura delle particelle presenti nel suolo e nell’aria nelle zone direttamente interessate dall’azione di salvaguardia degli operatori del soccorso da parte dell’ARPA (ente autorevole preposto). Inoltre, una richiesta di un protocollo specifico, qualora si dovesse riscontrare la presenza di agenti nocivi, per il trasporto e contatto da applicarsi con la massima urgenza . La nota E’ stata inviata a tutela della salute di tutti gli operatori VVF che sono intervenuti e che interverranno in seguito sugli scenari del terremoto e in egual misura per i cani molecolari dei cinofili e della cittadinanza sopravvissuta, onde evitare disposizioni in deroga, come fu a L’Aquila, dove nel trattamento e nel trasporto delle masserizie ci trovammo una disposizione dell’allora commissario straordinario. Questa condizione, tra l’altro, sta ingenerando “preoccupazione” tra le unità in invio in queste ore sui luoghi del sisma. Visto che siamo da oggi in seconda fascia di emergenza nazionale e che in riferimento a questo le unità sul posto si occuperanno proprio del movimento terra. USB CHIEDE LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE NON AGGIUNGIAMO ALTRE VITTIME.

Commenti