Home / Attualità / Ripetere il nulla per spostare l’attenzione

Ripetere il nulla per spostare l’attenzione

di MAGRITTE

ImmagineNON significa affatto fare inchieste l’imbastire e riproporre, per giorni e settimane, le stesse cose, le identiche notizie senza notizia, vecchie ma fatte passare per recenti, capovolte nel senso, combinate per creare equivoci nel lettore, confuse ed infarcite di commenti arbitrari, allusioni, illazioni, ricostruzioni fantasiose e velleitarie sentenze accusatorie o assolutorie. Magari aggravate da foto e fotomontaggi privi di decenza. Nauseanti. Se è evidente l’ostinazione ormai maniacale che motiva certi rituali paginoni provinciali, sfugge, non a tutti forse, il perché di queste insalate che di giornalistico conservano purtroppo ben poco. Ci sarà sicuramente qualcos’altro che bolle in pentola. E probabilmente tutto questo ripetere il nulla serve o dovrebbe servire, nelle intenzioni di qualcuno, a distogliere altrove ben altre attenzioni. Quella dell’opinione pubblica in primis, certo. Ma anche quella di altri. Della magistratura. Forse.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*