Home / Attualità / Rimandata la surroga di Lucisano. A Crosia consiglio provinciale deserto

Rimandata la surroga di Lucisano. A Crosia consiglio provinciale deserto

Di REDAZIONE

piero-lucisanoL’assise provinciale convocata lo scorso 19 gennaio, poi rimandata al 21 gennaio scorso dal Presidente Mario Occhiuto, andata deserta anche in seconda convocazione, ha portato al rinvio, di conseguenza, anche della surroga dell’ex consigliere provinciale Pietro Lucisano, al primo punto dell’ordine del giorno del consiglio. “La surroga del Consigliere Pietro Lucisano con il subentrante Antonio Russo et provvedimenti (art. 1 comm.78 n.56/2014 modificato dalla legge n.114/2014)”, sostituito, poi, nel pomeriggio del 21 Gennaio con “Discussione nota prefettizia n. 65423/2015/Area2°/EELL del 29/12/2015 – provvedimenti”. Molte le reazioni di chi ha seguito l’intera vicenda. Innanzitutto perché una nota del Prefetto – massima autorità territoriale di tutela della Legge – aveva prescritto la convocazione del Consiglio provinciale per procedere alla surroga di un consigliere, ma anche perché, come ribadito più volte, la legge vigente in materia (56/2014) è chiarissima e non lascia spazio ad alcun tipo di interpretazione. Il Consigliere comunale di Rossano, Pietro Lucisano è decaduto dall’incarico di rappresentante civico e di conseguenza anche da quello provinciale, lo scorso 17 Novembre per sua espressa volontà, manifestata dinanzi ad un notaio e notificata all’Ente. La nomina del subentrante sindaco di Crosia, Antonio Russo, a data ancora incerta, ha mosso la solidarietà dei sindaci della Valle del Trionto e del basso Jonio, per chiedere un’azione risolutiva da parte della Prefettura. Mentre nei giorni scorsi, i consiglieri comunali di Maggioranza di Crosia avevano già depositato in Prefettura una richiesta di intervento urgente.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*