Home / Ambiente / Rete fognaria, a Corigliano scalo rimane allerta rossa: tombini pronti a “esplodere”

Rete fognaria, a Corigliano scalo rimane allerta rossa: tombini pronti a “esplodere”

Nonostante gli interventi di spurgo, a Via San Giuseppe la condotta è satura. Poi c’è il problema atavico di Schiavonea

Via San Giuseppe e (nel riquadro) uno dei tombini saturi

Rimangono irrisolti i problemi legati alla rete fognaria nell’area urbana di Corigliano, nello specifico nello Scalo, ma non solo (il problema è stato segnalato anche a Schiavonea e in altre frazioni).

Nello specifico ci viene segnalata una ciclica fuoriuscita di liquami nella zona di Via San Giuseppe. Dai tombini viene fuori di tutto, l’ultima “esplosione” si è verificata alcune settimane fa lasciando escrementi di ogni tipo sul manto stradale e rendendo l’aria irrespirabile anche a diversi metri di distanza.

Nello specifico segnaliamo questo caso perché per quanto riguarda i tombini di questa via, numerose sono state le segnalazioni ed anche gli interventi di spurgo, i quali però sono stati sempre insufficienti non risolvendo un problema di vera e propria “salute pubblica” che è oramai insostenibile.

Da un momento all’altro in effetti i tombini potrebbero riesplodere creando un vero e proprio danno sanitario, inconcepibile per una grande città e soprattutto in un periodo come quello dell’emergenza Covid, dove viene chiesto ai comuni cittadini un rispetto delle norme igieniche estremamente rigoroso.


Nello specifico la vicenda, è stata segnalata da alcuni residenti anche al vice prefetto. Si attendono risoluzioni (stavolta definitive) da parte dell’amministrazione di Corigliano-Rossano, per questa e per le altre zone interessate, al fine di risolvere una situazione indegna per una città “normale”.
di Francesco Viteritti

Commenta

commenti