Home / Attualità / Resto al Sud, Provincia di Cosenza tra gli enti accreditati

Resto al Sud, Provincia di Cosenza tra gli enti accreditati

resto al sud

La sede della Provincia di Cosenza

Incentivi all’occupazione e valorizzazione delle nuove imprese alla base di Resto al Sud, progetto imprenditoriale di Invitalia. La Provincia di Cosenza è tra gli enti accreditati per offrire gratuitamente servizi di consulenza e assistenza nella predisposizione del progetto imprenditoriale. Una scelta importante, che va oltre le quotidiane competenze dell’Ente. Il Presidente Franco Iacucci si è speso molto affinché tale servizio potesse essere offerto anche dal Palazzo provinciale cosentino. Per poter aiutare, seppur limitatamente, i giovani del territorio. Il servizio verrà offerto sul territorio provinciale attraverso appositi sportelli dei Centri per l’Impiego (Cosenza, Castrovillari, Corigliano, Paola e Rossano); nonché nella Presidenza in Piazza XV Marzo, aperti lunedì e giovedì dalle ore 09:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 17:00.

Questa mattina, proprio in Provincia, in una conference call creata ad hoc, i tecnici si sono interfacciati  con Invitalia e hanno limato ogni dettaglio per dare avvio al servizio. Papa Francesco, nell’esortazione apostolica sull’amore e sulla famiglia “Amoris Laetitia”, ha parlato di come la disoccupazione e la precarietà lavorativa siano diventati sofferenza e come la mancanza di lavoro colpisca in diversi modi la serenità delle famiglie. «Voglio fare nostro questo pensiero di Papa Francesco – ha detto il Presidente Iacucci – assumendo qualsiasi iniziativa che possa andare nella direzione di contribuire a creare lavoro per alleviare la sofferenza e dare serenità alle famiglie; questo è il dovere della politica e questo è l’impegno che la Provincia vuole fare suo perché l’esortazione del Papa non cada nel vuoto».

RESTO AL SUD, REQUISITI E OBIETTIVI

Le agevolazioni sono rivolte ai giovani tra 18 e 35 anni

Cosa si può fare: Avviare iniziative imprenditoriali per:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone;

Sono escluse dal finanziamento le attività agricole, libero professionali e il commercio.

FINANZIAMENTO COPRE IL 100% DELLE SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l’acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in:

  • contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo;
  • finanziamento bancario pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi.

Resto al Sud è un incentivo a sportello: le domande vengono esaminate senza graduatorie, in base all’ordine cronologico di arrivo.

Commenta

commenti