Home / Attualità / Reperti di Castiglione esposti a Sibari. Ancora nessuna delibera

Reperti di Castiglione esposti a Sibari. Ancora nessuna delibera

castiglioneSi torna a parlare del parco archeologico di Castiglione di Paludi, il sito fortificato brettio. Questa volta l’argomento è incentrato sull’esposizione dei reperti provenienti da Castiglione, da esporre al Museo di Sibari.  Palmino Maierù, noto conoscitore della storia locale, in questi giorni ha inviato una comunicazione alla direttrice del Museo di Sibari, Adele Bonofiglio. L’obiettivo è fare il punto della situazione.

“Gentile Direttrice,come è noto da alcuni decenni si è cercato un finanziamento per la realizzazione del Museo a Paludi. In cui esporre i reperti frutto degli scavi degli anni Cinquanta e poi Settanta-Novanta del Novecento.

Dopo un finanziamento di 300.00 € dei primi anni del Duemila, necessari per la realizzazione del Museo, da collocarsi in un edificio comunale. L’edificio comunale disponibile, ampio 500 mq, è sito nel centro storico di Paludi. Il finanziamento è stato sprecato.In quanto è stato ristrutturato un altro edificio di 90 mq sito nel parco. Da poco tempo sono stati completati i lavori alla struttura in cui dovrebbe sorgere il Museo. Comunque, fino ad oggi, circa la collocazione ed esposizione dei reperti, l’Amministrazione Comunale di Paludi non si è pronunciata.

CASTIGLIONE, REPERTI A SIBARI: NESSUNA DELIBERA DELL’AMMINISTRAZIONE

Nella fattispecie non ha manifestato con atto deliberativo (come previsto dalla Normativa), la volontà di richiedere in comodato i reperti da esporre nel museo. La richiesta andrebbe fatta al Ministero dei Beni Culturali. Se venisse avanzata adesso ci vorranno anni per vederli a Paludi. Tutto ciò premesso e considerato, come Cittadino e già Amministratore comunale (1980-1995) – continua Maierù. Lo stesso che ha contribuito a costruire la strada che collegò e collega tutt’ora, Castiglione, al resto del mondo. Iniziare i lavori del parco acquisendone l’area, oltre a tanti lavori realizzati.Chiedo – continua Maierù – riferendosi alla direttrice Bonofiglio –   che nel Museo della Sibaritide vengano esposti, in tempi brevi, i più significativi reperti di Castiglione. Affinchè possano trovare finalmente una degna esposizione ed i visitatori potranno finalmente goderseli.

RingraziandoLa per quello che certamente farà, porgo distinti saluti”.

Commenti
Inline
Inline