Home / Attualità / Regione, il vicepresidente Russo alla cabina di regia del fondo di sviluppo e coesione a palazzo Chigi

Regione, il vicepresidente Russo alla cabina di regia del fondo di sviluppo e coesione a palazzo Chigi

Il vicepresidente della Regione Francesco Russo ha partecipato ad una riunione della Cabina di Regia del Fondo di Sviluppo

Il vicepresidente della Regione Francesco Russo ha partecipato ad una riunione della Cabina di Regia del Fondo di Sviluppo e Coesione che si è svolta presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri tra i vertici del Governo nazionale e i rappresentanti dei Presidenti delle Regioni, i rappresentanti dell’ANCI, tra cui il sindaco di Reggio Calabria, i rappresentanti dell’Agenzia per la Coesione Territoriale e del Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica economica Presidenza Consiglio dei Ministri.

L’incontro è stato presieduto dal ministro per il Sud Barbara Lezzi. Nel corso della riunione è stato deliberato lo stanziamento di 21 milioni di euro per un “Piano straordinario Asili Nido”, destinato alle 7 città metropolitane nel Mezzogiorno, e di 80 milioni di euro per un “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade”, rivolto ai comuni con meno di 3 mila abitanti delle aree interne del Sud e delle Isole”. Inoltre, sempre nel corso della cabina di regia, attraverso il FSC è stato rifinanziato il PON Ricerca per una cifra pari a 25 milioni di euro. Lo stanziamento è stato destinato a due progetti di ricerca presso enti che operano in Calabria e in Sicilia. In particolare, per il progetto proposto dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn, denominato “Centro ricerche ed infrastrutture Marine avanzate in Calabria” – situato nel Comune di Amendolara (Cosenza) -, il finanziamento è pari a 10 milioni.

RUSSO, I 4 PUNTI SU CUI PORRE L’ATTENZIONE 

Nel suo intervento, il vicepresidente della Regione Calabria ha posto l’attenzione su 4 punti: (1) l’importanza di garantire risorse per poter avviare la progettazione per le opere programmate in settori cruciali nei tempi necessari. Mentre si sta lavorando alla redazione del nuovo POR 21-27. Al fine di far partire le opere a gennaio 2021 e non anni dopo. (2) l’approvazione di una Legge Quadro per la programmazione e la progettazione ad essa connessa. Al fine di poter ottenere le progettazioni nei tempi coordinati con le programmazioni. Si tratta di dare il giusto valore alla pianificazione. Se tale attività viene svolta con particolare cura. Mentre si predispone la programmazione economica possono essere sviluppate le prime fasi della progettazione. (3) per quanto riguarda il tema dei progetti relativi al dissesto, è necessario programmare finanziariamente in tempi brevissimi rispetto alle progettazioni. Perché se passa troppo tempo lo stesso progetto sarebbe invalidato dall’evoluzione naturale. Implicando il ricorso a varianti al momento stesso della consegna dei lavori. (4) la richiesta di un anticipo finanziario e legislativo immediato per la progettazione relativa alle scuole. In modo da avere per tempo le risorse necessarie a poter programmare il completamento di tutte le scuole.

Il vicepresidente Russo ha, inoltre, ribadito l’importanza del lavoro di concertazione istituzionale in Cabina di regia. “Per rendere più sinergiche le varie azioni in campo – ha concluso  – serve non solo un presidio più condiviso a livello attuativo. Ma anche un maggiore protagonismo delle Regioni, delle Città Metropolitane e dei Comuni. Che potrebbero certamente contribuire ad indirizzare più efficacemente le scelte di investimento”.


Commenta

commenti