Home / Attualità / Regione, i bandi sui borghi presentati a Lorica

Regione, i bandi sui borghi presentati a Lorica

regioneNell’ambito degli eventi organizzati dalla Regione Calabria dedicati ai due bandi sui borghi, il presidente Mario Oliverio a Lorica ha annunciato una proroga. “I bandi dei quali stiamo informando in tanti incontri hanno come finalità la valorizzazione di una della realtà più peculiari della Calabria: i borghi. In relazione alle attività ricettive, della ristorazione e dei servizi turistici e culturali rivolte alle imprese, alla parte privata, c’è domanda sempre crescente e interesse altissimo. Ad ospitare il partecipato evento, il Centro Sportivo lungo il Lago Arvo. Una struttura, questa, nel cuore del Parco Nazionale della Sila; territorio che, con le sue comunità e la sua forte connotazione identitaria può ricavare una grande opportunità.

Abbiamo fatto una scelta chiara, collegata ad una idea, differente rispetto al passato, di sviluppo della Calabria. I bandi sono due tasselli di una strategia; l’ipotesi sulla quale stiamo lavorando,  per cui abbiamo programmato risorse che stanno entrando nel vivo della società e della economia della regione, è quella di valorizzare le risorse, nella costruzione di uno sviluppo sostenibile, senza  inseguire chimere”  ha detto a Lorica Oliverio che, in correlazione a ciò,  ha inoltre parlato dell’impegno della Regione per il miglioramento dell’accessibilità alla Calabria, con il rilancio degli aeroporti, l’intensificazione dei collegamenti, ancora ricordando il grande evento del recente meeting della federazione degli operatori turistici che, nella loro permanenza, hanno sottolineato non solo le bellezze della regione, ma segnatamente  le opportunità di collegamenti con città della Germania, che oggi sono 16.”

REGIONE, OLIVERIO: TRA LE NOSTRE SCELTE PREMIARE I GIOVANI E LE DONNE

Crescono le nicchie di turismo, come quello slow per il quale lavoriamo ad una serie di servizi, cresce la vacanza breve- ha sottolineato Oliverio -. Una vacanza che la Calabria sta intercettando, grazie anche ai collegamenti diretti.  Alle nuove forme di turismo interessa la scoperta dei luoghi, connessa con la ricettività diffusa. Uno dei tratti identitaria della nostra terra sono proprio i piccoli centri, come, ad esempio i villaggi della Sila, oggi svuotati. Un patrimonio da recuperare. Ecco perché abbiamo  investito notevoli risorse, e ne investiremo ancora,  per valorizzare i borghi, rivitalizzarli, per creare opportunità di lavoro”.” Tra le nostre scelte- ha fatto presente il presidente della Regione-  c’è quella di premiare i giovani, le donne, ancora, di incentivare alcuni territori, come quelli delle  aree interne,  i comuni che sono allocati, anche parzialmente, nei perimetri dei Parchi-  ha riferito Oliverio  entrando in alcuni dettagli dei bandi-.

Una decisione- ha stimato-   di carattere culturale ma anche sociale nelle sue implicazioni, come ad esempio, quelle che afferiscono a processi di spopolamento.”” Non assecondiamo spinte assistenzialistiche- ha rimarcato Oliverio-; vogliamo utilizzare le risorse per sostenere la crescita. Questi due bandi sono all’attenzione nazionale: è la prima volta che una regione mette in campo iniziative di questa portata. Ci sarà ulteriore spostamento di risorse se la domanda continuerà a crescere. Per questo territorio- ha concluso- i bandi sono una opportunità importante. L’invito è a coglierla”.

NUMEROSA LA PRESENZA DI AMMINISTRATORI E OPERATORI

“E’ un bando a favore dei territori- ha affermato il delegato all’ Urbanistica-, fatto anche per riprendere la tradizione ed il rapporto tra insediamenti e territori stessi di una Calabria sempre accogliente, in cui i borghi rappresentano un punto di riferimento. Tanto, nella linea di costruzione di un futuro migliore per noi e i nostri figli”. Numerosa, nel Centro sportivo della cittadina della Sila, la presenza di sindaci, amministratori, operatori economici dell’area, molti giovani ai quali si  è rivolto il dirigente del Settore regionale Beni culturali, Domenico Schiava,  che ha spiegato in dettaglio i bandi, in particolar modo quello riguardante  attività ricettive, della ristorazione e dei servizi turistici e culturali che ha l’obiettivo di incentivare e sostenere le imprese in questi settori, i cui beneficiari sono piccole e medie imprese, associazioni , lavoratori autonomi nonché le persone che si propongono di costituire una impresa.

Notevolmente da rimarcare il fatto che l’agevolazione può essere concessa al 100% delle spese ammissibili fino al limite di 70mila euro se i progetti sono presentati da imprese a prevalente gestione e partecipazione di giovani fino a 29 anni.


Commenta

commenti