Home / Attualità / Regionali, increduli ed esultanti i leghisti di Villapiana: «Risultato storico»

Regionali, increduli ed esultanti i leghisti di Villapiana: «Risultato storico»

Il commento è del referente cittadino, Michele Grande, che rimarca un risultato entusiasmante  

Esulta la Lega in Calabria (che per la prima volta nella storia ottiene 4 consiglieri regionali); esulta la Lega nei territori. E sicuramente tra i territori che esultano per lo strepitoso risultato del “carroccio” in terra calabro-sibarita (da non crederci appena qualche mese fa) è la base salviniana di Villapiana: «Abbiamo accarezzato un sogno alle scorse amministrative con la lista Siamo Villapiana, che ci ha portati ad avere una rappresentanza in consiglio comunale. Questa volta la sfida era ancora più difficile, tra il voto di opinione pressoché nullo e i rapporti personali che, da sempre, quasi ogni cittadino vanta con uno o più candidati al Consiglio regionale».

 

È questo il commento, l’analisi del voto del referente della Lega Villapiana, Michele Grande, che mette in evidenza le 360 preferenze (pari al 17% dei consensi) che il partito caro ad Alberto da Giussano è riuscito a conseguire nella cittadina della Piana. «Ci piazziamo al secondo posto tra le forze politiche cittadine -commenta Grande – lottando praticamente alla pari con Forza Italia e Partito Democratico, due partiti con una storia locale molto più longeva della nostra».

 

Lo dicevamo pocanzi, chi avrebbe mai immaginato, 5 anni fa, che la Lega potesse diventare il secondo partito di Villapiana e uno dei primi in tutta la Calabria? A dire la verità è una domanda che si pongono in tanti e se la pongono anche gli stessi leghisti. Che, ovviamente, incassano e ringraziano i militanti «per l’impegno profuso» ed i cittadini «per aver scelto la Lega come alternativa a cinque anni disastrosi di centrosinistra». Da qui gli auguri ai consiglieri leghisti eletti e alla neo presidente, Jole Santelli, «con la speranza – conclude – che sappia lavorare per una rinascita reale e concreta della nostra terra, martoriata da troppi anni di malgoverno».


 

Commenta

commenti