Home / Attualità / Reggio Calabria: Consiglio regionale approva legge tagli bonus burocrati e portaborse

Reggio Calabria: Consiglio regionale approva legge tagli bonus burocrati e portaborse

Approvata una nuova legge che taglia i costi della politica. Risparmi dai 570mila ai 600mila euro all’anno con il taglio del “premio incentivante” (383mila euro) e la riduzione del trattamento economico per diverse figure burocratiche. Slitta l’approvazione del Def.

I cordoni della borsa si restringono. Burocrati e portaborse della Regione hanno di certo vissuto tempi migliori. La nuova legge approvata all’unanimità dal consiglio regionale (firmata dal presidente Nicola Irto e sottoscritta da tutti i capigruppo) riduce in modo drastico i cosiddetti “costi della politica”, per un risparmio che oscilla dai 570mila ai 600mila euro all’anno.
La legge “taglia” il “premio incentivante” (383mila euro) e riduce il trattamento economico complessivo per diverse figure burocratiche, tra cui quelle del segretario particolare e del responsabile amministrativo delle strutture speciali di giunta e Consiglio e del collaboratore esperto in servizio a Palazzo Campanella.

GLI ATTI APPROVATI Via libera al Bilancio consolidato 2017 della Regione Calabria e all’assestamento di quello di previsione 2018-2020. Ok alla modifica della programmazione del dimensionamento della rete scolastica. Con la legge, avanzata dalla giunta regionale, vengono cambiate le linee guida e stabilite le soglie minime per la scuola d’infanzia (20 iscritti con deroga a 10), primaria (30), secondaria (35, deroga a 20), secondaria di secondo grado (invariata).
Disco verde, inoltre, per i rendiconti 2017 delle agenzie Arcea (erogazioni in agricoltura) e Arsac (sviluppo agricoltura).

fonte: corriere della calabria

Commenta

commenti