Home / Breaking News / Referendum, Graziano: “Grande segnale”

Referendum, Graziano: “Grande segnale”

referendum“È stato un NO limpido alle politiche bugiarde e fallimentari di Renzi per la nostra regione”. Lo si legge in una nota stampa d’analisi del Segretario questore del Consiglio regionale della Calabria, coordinatore provinciale di Forza Italia e presidente nazionale del movimento nazionale Il Coraggio di Cambiare l’Italia, Giuseppe Graziano.  “Appare altrettanto chiaro come il predominante NO alla riforma costituzionale non sia una posizione conservativa. Ma, viceversa, la volontà ultrariformista della gente che continua a chiedere, oggi con più veemenza, un concreto, reale e coraggioso cambiamento.
Il day after del Referendum ci restituisce un’Italia e soprattutto una Calabria sicuramente più sovrane e artefici delle proprie scelte. Ma che invoca, allo stesso tempo, una vera e più concreta stagione di cambiamento.

REFERENDUM, NO ALLA SOTTRAZIONE DI AUTONOMIA ALLE REGIONI

I calabresi, così come evidenziavo e auspicavo nelle settimane e nei giorni precedenti alla consultazione referendaria, hanno detto no ad una riforma costituzionale che nella sostanza sottraeva capacità e autonomia alle Regioni nell’assunzione di decisioni vitali per lo sviluppo e la crescita. Dal governo della sanità per finire alle politiche ambientali, tutte le cosiddette materie concorrenti sarebbero passate sotto l’egida del Governo centrale che avrebbe deciso inesorabilmente il nostro destino, senza tener conto delle esigenze e delle vocazioni dei singoli territori. Ora tocca alle Regioni dare valore e concretezza alla sovranità, fortunatamente salvaguardata. In Calabria – prosegue – in modo particolare. Dove non potranno più esserci alibi di sorta nel processo di rilancio della macchina dei servizi, della crescita e dello sviluppo. Perché, se da un lato i calabresi hanno detto chiaramente no ai contenuti della riforma, dall’altro il loro voto ha espresso un palese dissenso verso il Governo centrale e regionale per il continuo e costante deficit di diritti.

REFERENDUM, NELLA SIBARITIDE VINCE L’ULTRARIFORMISMO

Si legga, in questa chiave, il risultato emblematico della Sibaritide e dell’Area urbana Corigliano-Rossano. Qui ha vinto l’ultrariformismo, che emerge dalla voglia di cambiamento radicale della cosa pubblica, ed ha vinto il fronte ampio di chi rivendica diritti, da tempo sottratti, come la Sanità, la Giustizia e la Mobilità. I cittadini della Sibaritide – aggiunge il Segretario questore del Consiglio regionale – hanno bocciato Renzi e le sue balle, che hanno danneggiato il Meridione, e ridimensionato l’assolutismo di buona parte del centrosinistra regionale. Questo territorio è stato una delle vittime eccellenti dell’azione di uno dei Governi più antimeridionali della storia repubblicana. Ancora una volta la gente, attraverso le urne, ha chiesto il cambiamento. Quello vero – conclude Graziano – che restituisca diritti e garantisca meritocrazia e lavoro ai nostri giovani.

Commenta

commenti