Home / Attualità / Referendum Costituzionale: Flavio Stasi strizza l’occhio al fronte del No?

Referendum Costituzionale: Flavio Stasi strizza l’occhio al fronte del No?

Con un comunicato stampa appena diffuso i Verdi di Corigliano Rossano annunciano due eventi in favore del No, tra gli invitati anche Flavio Stasi

Manca sempre meno al referendum costituzionale del 20 e 21 settembre in cui gli Italiani saranno chiamati alle urne per approvare o respingere la legge di revisione costituzionale concernente le modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari.

Anche in città inizia a muoversi qualcosa. Infatti a scendere in campo sono i Verdi: «Abbiamo il dovere civico – scrivono in una nota – di difendere la democrazia per condurre un’esistenza libera e dignitosa nel nostro Paese, evitando di cedere ad una visione populista che mira a cancellare qualcosa di molto, molto importante: la Democrazia Parlamentare. Lottare per il NO” equivale a dire “No” a una riforma costituzionale che rappresenterebbe un Indebolimento della sovranità popolare. Minare alla rappresentanza significa minare alla sovranità popolare. Se un Parlamento è in difficoltà va rafforzato riqualificato e non ulteriormente indebolito e marginalizzato. Questa battaglia referendaria è la battaglia per la democrazia rappresentativa».

A tal proposito, giovedì 17 settembre, Verdi Europa, in collaborazione con il comitato calabrese dei referendari del “No”, saranno impegnati in un doppio appuntamento: alle 11 presso l’hotel Poseidon, Viale della Libertà a Schiavonea,  terranno una conferenza stampa sulle ragioni del “No contro la modifica Truffa”. La conferenza sarà presieduta dal professore emerito di diritto pubblico Gambino, dal referente dei Verdi Leonetti e dal presidente della commissione statuto Maria Salimbeni.

Successivamente, nel pomeriggio, i temi della conferenza saranno approfonditi attraverso l’evento che si terrà a Rossano alle 18:00 in via Scipione Caccuri, accanto alla libreria Mondadori, a cui si uniranno il consigliere comunale Alessia Alboresi, il segretario Cgil Angelo Sposato, Angelo Broccolo del comitato 11 giugno e il sindaco di Corigliano Rossano Flavio Stasi. La presenza di quest’ultimo potrebbe essere un’indicazione sulla preferenza del primo cittadino che, appunto, potrebbe pendere per il No alla riforma Costituzionale.

Chissà come la prenderanno i tanti “aficionados” del primo cittadino di Corigliano-Rossano che in queste ore si stanno spendendo nella campagna per il Sì. Sicuramente non v’è attinenza tra la gestione amministrativa e le dinamiche che, come in questo caso, riguardano la sfera più ampia della democrazia partecipata, però questo ultimo strascico di una campagna referendaria davvero apatica sta mostrando tinte eterogenee. Vorrà dire qualcosa?


Commenta

commenti