Home / Breaking News / Provinciali: Pd Cassano, no ad accordi calati dall’alto

Provinciali: Pd Cassano, no ad accordi calati dall’alto

pd“Nessun accordo calato dall’alto deciderà il futuro del territorio cosentino. La scelta dei candidati deve avvenire sui territori interessati e rispettare la volontà degli stessi”. Gli aderenti al Pd di Cassano, con una lettera aperta alla segreteria nazionale del partito, a quella regionale e a quella provinciale, si dicono fortemente contrari all’accordo in merito alla scelta del candidato alla carica di Presidente della Provincia di Cosenza.
“Un accordo che – a loro dire – non è condiviso per i rappresentanti del Pd Cassano “in una Regione come la Calabria, dove nel Pd si è consumata un’ampia discussione in merito alla metodologia da applicare per l’individuazione del candidato alla presidenza della Regione (primarie o papa nero?) che ha visto alzarsi una levata di scudi da parte di tutte le componenti del Partito a difesa dell’autonomia dei territori, sarebbe davvero buffo e contradditorio che per le elezioni provinciali si accettassero accordi calati dall’alto, frutto di vecchie logiche, che altro non farebbero che ingenerare nell’opinione pubblica false percezioni di un soggetto che utilizza la politica come strumento di scambio per spartire posti e ruoli di sottogoverno. La legge di riordino che interessa l’Ente Provincia comporta una limitazione, in quanto i cittadini non potranno più scegliere direttamente i propri rappresentanti”.
Rispetto a quest’ultima considerazione ci preme evidenziare – scrivono gli aderenti al Pd – che una scelta calata dall’alto rischia di amplificare a dismisura tale dimensione e di compromettere seriamente la vera rappresentatività dei territori: gli stessi si troverebbero rappresentati da soggetti che non solo non sono stati eletti direttamente dai cittadini, ma che non sarebbero espressione nemmeno della volontà politica della base dei partiti che li candidano. Auspichiamo, perciò, – concludono – che “i vertici del partito riprendano la consultazione della base e degli amministratori dei territori e che presto si possa unitariamente indicare la candidatura alla Presidenza e definire la lista espressione delle comunità”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*