Home / Breaking News / Provincia, al sindaco di Crosia Russo, le deleghe al bilancio e affari legali

Provincia, al sindaco di Crosia Russo, le deleghe al bilancio e affari legali

Provincia. Il sindaco di Crosia Antonio Russo neo consigliere provinciale ha ricevuto le deleghe al Bilancio e Programmazione, tributi, demanio, affari generali e affari legali, dal Presidente Francesco Iacucci. Le stesse che erano state affidate al suo predecessore Vincenzo Scarcello. Un vero e proprio passaggio di testimone che sancisce l’incessante e proficuo lavoro che sta svolgendo Il Coraggio di Cambiare l’Italiasui territori in cui sta già operando a livello amministrativo. Soddisfatto il presidente nazionale del CCI, Giuseppe Graziano, che accoglie con entusiasmo la notizia.

PROVINCIA, GRAZIANO CCI: “GRANDE RISULTATO PER IL CCI”

Un grande risultato per Il Coraggio di Cambiare l’Italia – commenta Graziano – che continua ad operare con impegno e abnegazione sui territori in cui è presente e che raccoglie ottimi risultati, grazie ai suoi interpreti, amministratori seri e laboriosi. Scarcello e Russo che lo ha sostituito in Provincia, hanno dimostrato di esserlo entrambi. E per questo evidentemente lo stesso presidente Iacucci, che ringrazio, e al quale ribadisco il mio sentimenti di stima, non ha avuto dubbi nel confermare le medesime deleghe al consigliere subentrante, un altro amministratore laborioso e vicino alla gente qual è il sindaco di Crosia, Antonio Russo. A lui – conclude Graziano– rinnovo gli auguri di buon lavoro, a nome personale e dell’intero ufficio di presidenza del CCI, certo che saprà portare nell’amministrazione provinciale le istanze e le esigenze dello Jonio cosentino.

Ringrazio il Presidente della Provincia di Cosenza Iacucci – aggiunge Russo – per la fiducia che ha inteso accordarmi, con la conferma delle deleghe in capo al mio predecessore e il presidente del CCI Graziano per il sostegno e l’entusiasmo dimostrato nei miei confronti. Il loro è certamente uno stimolo maggiore a impegnarmi e fare il possibile per onorare il mio ruolo. Convinto come sono, che per cambiare le cose bisogna lavorare con abnegazione, portando avanti le istanze dei territori e non gli interessi dei singoli. Così come previsto dai valori del Movimento – conclude – e come del resto è sempre stato il mio modus operandi.

Commenta

commenti