Home / Attualità / Protocollo d’intesa tra la Polizia di Stato e l’A.S.P. di Cosenza

Protocollo d’intesa tra la Polizia di Stato e l’A.S.P. di Cosenza

protocollo d'intesaUn protocollo d’intesa per la sicurezza informatica è stato stipulato oggi, 17 maggio, nella Questura di Cosenza tra la Polizia di Stato e l’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza; alla presenza del Questore della provincia Giancarlo Conticchio. Il documento, firmato dal dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni della Calabria, Vincenzo Cimino e dal Direttore Generale dell’A.S.P. di Cosenza, Raffaele Mauro, costituisce un ulteriore passo avanti nella protezione dei sistemi informatici e dei collegamenti telematici delle infrastrutture informatizzate; la cui compromissione può causare interruzioni o disfunzioni nell’erogazione di servizi pubblici essenziali.

I dati sensibili detenuti e trattati dalle Aziende Sanitarie sono esposti al rischio di possibili attacchi on line, mirati a carpire le informazioni per scopi illeciti; anche di natura terroristica. L’accordo odierno segue quello analogo, sottoscritto nel mese di marzo di quest’anno, tra la Polizia Postale e l’A.S.P. di Catanzaro. E costituisce una tappa del percorso che vedrà gradualmente coinvolte varie realtà pubbliche e private; caratterizzate dall’operatività in settori strategici, che va garantita e tutelata per il bene della collettività; in particolare con mirate azioni di tutela preventiva e di pronto intervento in caso di emergenza.

PROTOCOLLO D’INTESA BASATO SUL CONTRASTO DI ATTACCHI INFORMATICI

Il modello di collaborazione tra la Polizia di Stato e l’Asp di Cosenza è basato su condivisioni e analisi di informazioni; necessarie a prevenire e contrastare attacchi o danneggiamenti informatici, segnalazioni di emergenze relative a vulnerabilità dei sistemi e sviluppo di attività di comunicazione per fronteggiare le situazioni di emergenza. E’ essenziale, infatti, porre in essere tutte le iniziative atte a prevenire e contrastare ogni forma di accesso illecito, anche tentato; con finalità di interruzione dei servizi di pubblica utilità o indebita sottrazione di informazioni sensibili. Prevedendo inoltre la possibilità di un intervento immediato qualora si presentassero criticità.

Il coordinamento di tali attività periferiche è affidato al C.N.A.I.P.I.C., Centro Nazionale Anticrimine Informatico e Protezione Infrastrutture Critiche della Polizia di Stato; istituito a Roma presso il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, attivo 24 ore su 24. Quest’ultimo cura anche l’assistenza e protezione diretta alle più importanti e strategiche infrastrutture informatizzate a livello nazionale e le relazioni internazionali in tale settore.

Commenta

commenti