Home / Breaking News / Prostituzione, operazione della Polizia nella Sibaritide

Prostituzione, operazione della Polizia nella Sibaritide

prostituzioneProstituzione, 6 ragazze sono finite nella rete dei poliziotti. Sanzionati anche 3 clienti che, attirati dall’abbigliamento succinto e dall’inequivocabile comportamento delle meritrici, si erano fermati con le rispettive autovetture; le stesse sottoposte a fermo amministrativo sulla base di ordinanze sindacali. Sono stati redatti e notificati 4 verbali di contestazione della violazione amministrativa prevista dall’Ordinanza Commissariale, relativa all’ordine di allontanamento dal luogo ove sono state trovate a svolgere l’attività di prostituzione, propedeutico per la successiva applicazione dei Daspo Urbani. Due delle ragazze, già destinatarie di provvedimento di allontanamento redatto a loro carico nel recente servizio di controllo, saranno inoltre oggetto di conseguenziale provvedimento di Daspo Urbano emesso dal Questore della Provincia di Cosenza.

PROSTITUZIONE, PERSONALE DELLA POLIZIA A DISPOSIZIONE PER LA DENUNCIA DI QUALSIASI FORMA DI SFRUTTAMENTO

Tutte le ragazze sono state rese edotte che vi sono anche delle associazioni di volontariato operanti nel territorio che possono aiutarle a cambiare. Personale della Polizia di Stato è inoltre a loro disposizione se le stesse vorranno denunciare ogni qualsivoglia forma di sfruttamento. Contestualmente a tale servizio sono stati effettuati 11 posti di controllo; nel corso dei quali sono stati ispezionati 92 automezzi, identificate 141 persone; e ancora contestate a vario titolo 21 sanzioni amministrative e 5 perquisizioni delle quali 1 domiciliare e 4 personali/veicolari. L’operazione voluta dal Questore Conticchio è stata portata a termine dal personale dei Commissariati di P.S. di Castrovillari e Rossano, unitamente a quello della Questura di Cosenza, della Polizia Scientifica e dell’Ufficio P.A.S.I., coordinati dal Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato dott. Leonardo Papaleo e dal Commissario Capo della Polizia di Stato Giuseppe Massaro.

Commenta

commenti