Home / Attualità / Premio Giulio Verga, due aziende rossanesi fanno incetta di premi

Premio Giulio Verga, due aziende rossanesi fanno incetta di premi

premio giulio vergapremio giulio vergaRossano e la sua “dolce” hanno fatto bella mostra di sé al Premio Giulio Verga, promosso dal Comune di Cotronei, in collaborazione con il GAL Kroton, la Pro Loco di Cotronei e la Camera di Commercio della Provincia di Crotone. Una manifestazione finalizzata alla promozione dei migliori oli extravergine del Sud Italia. Sono due le aziende locali che si sono distinte nel corso della prestigiosa kermesse. Facendo incetta di ben tre premi. All’azienda agricola Renzo con OrOlio é stato assegnato il secondo posto nei fruttati leggeri. Mentre il Frantoio Converso si è imposto come migliore certificato con la sua Riserva Bio e terzo classificato nella categoria fruttato intenso.

PREMIO GIULIO VERGA, INVESTENDO SULLA QUALITA’ I RISULTATI NON TARDANO AD ARRIVARE

I premi di quest’anno – ha affermato la commissione che ha valutato gli oli – hanno un valore aggiunto.  In particolare per le problematiche che ci sono state nella campagna olivicola trascorsa. Perché è stato difficile produrre olio e di alta qualità in queste condizioni. Ciò deve essere pertanto di sprono per tutto il comparto del territorio. Perché investendo sulla qualità e la innovazione tecnologica i risultati non tardano ad arrivare. Con l’acquisizione dell’IGP Calabria si apre un’altra opportunità che bisogna prendere al volo.

OLIVERIO: PREMIO PUNTO DI RIFERIMENTO OLTRE I CONFINI REGIONALI

Anche il presidente della Giunta regionale Mario Oliverio è intervenuto alla cerimonia conclusiva della quinta edizione del Verga. “ Il premio – ha affermato – ha già imboccato la strada per essere un punto di riferimento oltre i confini della nostra regione. La presenza di numerose aziende lo testimonia significativamente. Momenti come questo sono importanti per alimentare un circuito virtuoso. Per fare in modo che le aziende impegnate nel campo possano avere proiezione per le loro qualità, come per i loro sforzi. Ma anche una occasione di approfondimento e di riflessione sulle problematiche del settore olivicolo.”

Commenta

commenti