Home / Ambiente / Plastic River, gettate le basi per la collaborazione tra Ecoross e città di Pompei

Plastic River, gettate le basi per la collaborazione tra Ecoross e città di Pompei

Gettate le basi per un rapporto di collaborazione tra la Città di Pompei, la Contemply Art Investment di Firenze, l’azienda Ecoross srl e l’associazione Ricicl’Art di Corigliano Rossano. Tra i punti di contatto le politiche portate avanti a tutela dell’ambiente e l’utilizzo dell’arte come strumento di “provocazione” e sensibilizzazione. A fare da cornice all’incontro tra le quattro realtà l’evento tenutosi di recente a Pompei dedicato a “Plastic River”, l’installazione dell’artista Nello Petrucci tesa a sensibilizzare le coscienze sui temi ambientali e soprattutto sui rifiuti plastici che diventano, sempre più, una minaccia. L’opera rappresenta una balena al cui interno sono depositati rifiuti plastici raccolti in aree particolarmente disagiate e alla foce del fiume Sarno da volontari e studentiemblema delle condizioni in cui vivono oggi molte specie marine, ed è posizionata all’esterno della casa comunale di Pompei dove resterà in esposizione fino al 27 luglio 2019. All’evento gli organizzatori hanno invitato anche Ecoross, apprezzando le attività aziendali ispirate all’idea di coniugare Arte, Ambiente e Imprenditorialità.

L’iniziativa promossa dalla Contemply Art Investment con i Patrocini, tra gli altri, della Città di Pompei e del Consiglio Regionale della Campania, ha avuto una straordinaria risonanza mediatica a livello nazionale e ha fatto registrare la presenza di Cinzia Traino, in rappresentanza di Ecoross e di Ricicl’Art quali realtà attente a promuovere una sana coscienza ambientale e a trasformare i rifiuti in opere d’arte. “Le affinità sono apparse evidenti sin da subito – dichiara Cinzia Traino – nello spirito che anima tutte le nostre attività. Ringrazio Carlo Manfredi, giornalista e Direttore Organizzativo della Contemply Art Investment, l’Amministrazione comunale di Pompei e l’artista Nello Petrucci per averci invitato all’evento, che è pienamente in linea con la nostra mission aziendale e sociale. Basti pensare al messaggio di Petrucci “L’arte deve occuparsi di vicende del genere essendo chiamata da sempre a provocare e risvegliare le coscienze” per comprendere le analogie con le “provocazioni” artistiche che negli anni abbiamo riservato al territorio in cui operiamo attraverso mostre, eventi, convegni, donazioni di opere realizzate con materiali di recupero e tanto altro”.

Nel corso del convegno “Quando la plastica diventa Arte” tenutosi a Palazzo De Fusco, la prof.ssa Traino, dopo aver illustrato, anche con il supporto di slide e video, le caratteristiche dell’azienda Ecoross, da una cui costola nel 2006 è nata l’associazione onlus Ricicl’Art, si è soffermata sulla responsabilità sociale d’impresa e sulle numerose iniziative caratterizzate dall’amore per il territorio e dalla passione per l’arte in tutte le sue forme, in particolare per il riuso creativo. “Voi buttate, rifiutate un oggetto? Noi lo recuperiamo e ne facciamo un’opera d’arte” ha detto Cinzia Traino ribadendo che Ricicl’Art è oggi un vero e proprio “stile di vita, è un modo di pensare e di operare, è un elemento identificativo del nostro essere ed è presente in tutto ciò che realizziamo”.


Illustrando poi le attività di sensibilizzazione rivolte agli istituti scolastici, la prof.ssa Traino ha anticipato la preparazione di un calendario ad hoc per l’anno 2020, che ha come tema proprio l’invasione della plastica e tratta l’argomento in chiave ironica con linguaggi semplici e comprensibili. Non si esclude, prossimamente, l’organizzazione di un ulteriore evento che vedrà una vera e propria partnership tra Ecoross, Contemply Art Investment e Città di Pompei, con associazioni nazionali e internazionali quali Green Peace, Marevivo, Clean Life che hanno aderito a future collaborazioni.

Commenta

commenti