Home / Ambiente / Se piove, questo amianto finisce in mare. Non c’è limite all’inciviltà

Se piove, questo amianto finisce in mare. Non c’è limite all’inciviltà

Nel letto del Colognati una discarica di eternit sta lì ad attende un’eventuale piena. Sconvolge la perizia con cui si è riusciti a portare il materiale inerte proprio al centro dell’alveo 

Trasportare una ventina di lastre di eternit nel bel mezzo di un fiume non è affatto cosa semplice: serve tempo, servono uomini ma soprattutto servono mezzi idonei. Sicuramente è necessario un “progetto” di smaltimento abusivo molto complesso. Forse non è neanche meno oneroso rispetto a quelle che dovrebbero essere le procedure legali per conferire in discarica i prodotti contenenti amianto. Eppure succede questo. E nel nostro territorio succede di sovente. Quasi tutti i giorni.

Ma la condizione scoperta nel torrente Colognati è davvero incredibile. A segnalarci la presenza di una discarica di eternit nel letto sassoso e quasi inaccessibile dello storico torrente che solca il territorio rossanese, all’altezza di località Calamo, è stato un gruppo di escursionisti. Che, nel risalire la fiumara, mai avrebbero pensato di imbattersi in una situazione del genere: più di un metro cubo di materiale pericoloso e dannoso sia per la salute che per l’ambiente abbandonato tra le pietre.

Se lasciato a marcire sotto al sole, all’aria aperta, senza alcuna precauzione quel cumulo di lastre di eternit rischia di trasformarsi in una vera e propria bomba deflagrante a danno dell’ecosistema e della salute delle persone. E chissà da quanto tempo sta lì!

Il caldo di questi giorni sta lentamente disintegrando i pezzi di asbesto e le polveri e le micropolveri da esso generate sono difficili da recuperare. Con molta probabilità finiranno in mare o, ancora peggio, nelle falde acquifere con le prossime piogge.

Fino ad oggi c’eravamo fermati a commentare e denunciare le discariche di amianto che si erano spinte, al massimo, fino agli argini dei torrenti. Oggi ne troviamo una nel cuore, nel centro di un fiume. E questo significa che se non ci saranno controlli più serrati, se non ci saranno punizioni esemplari non ci sarà nemmeno limite all’inciviltà.

mar.lef.


Commenta

commenti