Home / Attualità / Pescia: SS 106, quale il beneficio per i cittadini?

Pescia: SS 106, quale il beneficio per i cittadini?

SS 106E’ di pochi giorni fa la pubblicazione del progetto definitivo del percorso della futura SS 106 -ter che interesserà il comune di Cassano per 7 Km. Il taglio trasversale, come una lama, che dovrà subire il nostro territorio sarà enorme. Tutto ciò senza che ai cittadini ne venga niente. La statale in questione si raccorderà all’altezza del restringimento della s.s. 534 in c.da Volta del Ponte per poi tagliare verso c.da Pantano Rotondo e continuare verso il fiume Raganello. Uno squarcio che non porterà nessun beneficio alla popolazione né dal punto di vista della viabilità e né dal punto di vista della “visibilità”. Con l’attuale 106 il comune di Cassano vanta ben 3 uscite. Con la costruzione di questa nuova arteria Cassano si ritroverà ad avere una solo uscita e per di più quasi al confine del suo territorio: al raccordo con la s.s. 534.

Quale sarà il beneficio per i turisti che avranno una sola uscita per accedere direttamente al nostro territorio? Quale il beneficio per i pendolari che ogni giorno percorrono la s.s. 106? Quale beneficio avranno gli imprenditori ed i loro dipendenti che avranno i terreni espropriati?

GIUSEPPE PESCIA

La domanda che noi ci poniamo dovrebbero essersela posta anche chi ha acconsentito che questa opera venisse fatta in questo modo nel territorio comunale. Chi ha osannato il Governatore della Calabria quando faceva sembrare quest’opera l’unico modo di rilancio del nostro territorio. Lo stesso che poco più di due anni fa firmò con orgoglio il protocollo per il consumo del suolo 0.

In nessun momento i cittadini sono stati informati dei benefici, ma soprattutto delle conseguenze negative che questa opera porterà. Il consiglio comunale avrebbe dovuto essere il luogo in cui doveva essere resa edotta la gente di quello che avverrà sul territorio.

L’autodeterminazione di una comunità passa da questo, nello scegliere se un’opera è producente per i cittadini che quest’opera dovranno subire.

BENEFICIO PER I CITTADINI

I cittadini che vedranno sfregiato il territorio, gli imprenditori agricoltori che si vedranno espropriati i terreni con cui danno lavoro ai propri dipendenti, i pendolari che per arrivare a Taranto dovranno andare a Doria per poi tornare indietro. Queste persone dovrebbero decidere se quest’opera sarà producente o no per il territorio.

Ribadiamo di ritenere questa opera pubblica assolutamente necessaria, ma come Movimento de La Calabria che Vuoi, siamo convinti che così progettata sia un’opera dispendiosa ed ad altissimo impatto ambientale e, pertanto, proponiamo il raddoppio della statale già esistente. Raddoppiare la statale garantirebbe ugualmente il miglioramento della viabilità, non privando Cassano delle uscite esistenti e senza deturpare il territorio.

Commenta

commenti