Home / Attualità / Parroci incontrano sindaco Papasso

Parroci incontrano sindaco Papasso

parrociSi è svolto questa mattina un incontro istituzionale tra il sindaco di Cassano all’Ionio Gianni Papasso e una delegazione di parroci cassanesi.
Ognuno dei Parroci intervenuti, operanti non solo a Cassano centro ma anche a Lauropoli, Doria e Sibari, ha preso la parola. In un incontro che, così come hanno riferito gli stessi sacerdoti – non avveniva con il capo dell’istituzione pubblica da molti anni

PARROCI, LE PROBLEMATICHE

Molte le problematiche messe sul piatto, chiaramente collegate al tessuto sociale che compone il Comune di Cassano. Dalla dispersione scolastica, alla cultura, all’impotenza di dare risposte concrete a chi si rivolge alla Chiesa in cerca di aiuto. Molto si fa, ma spesso i mezzi non sono sufficienti. I Sacerdoti cassanesi hanno chiesto una maggiore presenza sul territorio da parte delle istituzioni di controlli e si sono detti collaborativi ad iniziative di qualsiasi genere poiché pensano e credono alla valenza della collaborazione tra le due istituzioni.

PARROCI, PAPASSO RINGRAZIA PER LA FATTIVA COLLABORAZIONE

Il Sindaco ha tenuto, anch’egli, a ringraziare singolarmente i sacerdoti e la Chiesa cassanese per la fattiva collaborazione. E, in particolare per l’apertura verso il mondo laico quale è il Comune di Cassano. Il Sindaco Papasso ha spiegato che il fine principale della sua amministrazione è stato, sin dal momento del suo insediamento, nella passata legislatura, quello di guardare con un occhio attento e discreto a coloro i quali hanno più bisogno. A tutte quelle famiglie che versano in condizione disagiata, a quei padri di famiglia che non riescono, nonostante i tanti sforzi, a sbarcare il lunario. Per loro è stato ideato e creato il banco alimentare che assiste, ogni mese, circa 600 famiglie. Sempre per aiutare il disagio sociale si è pensato di non far pagare il ticket mensa e il trasporto scuolabus a quei bambini che provengono da famiglie che non ne hanno la possibilità, questo al fine di garantire l’uguaglianza sociale.

PARROCI, DIFFICILE RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI UN TERRITORIO VASTO

 

Per quanto riguarda gli interventi sul territorio e una maggiore presenza delle istituzioni il Sindaco ha garantito che farà il possibile ma il turn over bloccato da anni non permette di assumere unità. E il comune è chiaramente in sottorganico per poter rispondere prontamente alle esigenze di un territorio vastissimo quale è quello di Cassano. Importante e speciale – ha detto Papasso – è il rapporto con la Chiesa di Cassano. Ci siamo ispirati dal primo momento al modello di sobrietà proposto dall’indimenticabile don Nunzio Galantino, che ringrazieremo in eterno per averci regalato la stupenda visita di Papa Francesco. In quell’occasione Cassano ha dimostrato di voler dare esempio di unità e collaborazione, ma anche di accoglienza. Tutto, nel giugno del 2014, funzionò perfettamente.

Ho tenuto – ha detto ancora il primo cittadino – ad appendere nella mia stanza le foto che riguardano la storica visita del Pontefice proprio per lasciarne memoria a chiunque entri qui dentro. Quello è il volto di Cassano che tutti ci stiamo impegnando di far conoscere all’esterno. La collaborazione è continuata con Mons. Francesco Savino – ha continuato Papasso – con il quale sin da subito c’è stata un’intesa speciale. Abbiamo appoggiato molti sue idee, per esempio, divenendo partner nel progetto “L’appetito vien studiando” oppure in ultimo deliberando l’adesione di Cassano all’Associazione Gigi Ghirotti ed affiliandoci come città del Sollievo. Tanto è stato fatto e tanto ancora c’è da fare e sono sicuro che solo insieme riusciremo.

Commenti