Home / Breaking News / Parlamentari M5S: quanto valgono le promesse elettorali?

Parlamentari M5S: quanto valgono le promesse elettorali?

parlamentari m5sI parlamentari M5S Elisa Scutellà, Rosa Silvana Abate e Francesco Sapia passano in rassegna le questioni chiave del territorio sibarita. Chiedendosi “cosa funzionerà  e, soprattutto, quando e quanto delle promesse figlie del periodo elettorale si attuerà realmente. Per esempio, si parla di Ospedale unico della Sibaritide ma intanto ci sono sempre più problemi ai nosocomi di Corigliano e Rossano. Si pubblicizza, altro esempio, la riapertura dell’ospedale di Trebisacce; facendo invece passare sottotraccia che si tratta realmente di un PPI (Punto di Primo Intervento) che è cosa ben diversa. Ma l’argomento che ci interessa oggi è la Zona economica speciale visto che s’è tenuto un convegno pochissimi giorni fa e siamo stati chiamati in causa per la nostra assenza.

Da più parti in Calabria sorgono dubbi sulla Zes di Gioia Tauro visto che mentre la legge 91/2017 ritiene che «la Zes debba sorgere su una zona geografica delimitata e identificata» e, quindi, considerando quella vasta zona che conta circa 2400 ettari compresi tra i comuni di S. Ferdinando, Rosarno e Gioia (col porto), l’area coinvolta nella Zona economica speciale va oltre questi canoni comprende anche una parte della Sibaritide, del Crotonese, di Vibo e Lametia Terme (l’Aeroporto). Aree senza nessi economici funzionali e senza una reale vicinanza col porto principale che individua la zona (Gioia Tauro) come ribadito, appunto, dalla legge. Una sorta di operazione per mettere “dentro tutti e non scontentar nessuno, poi vediamo come la si realizza davvero”. Delle sue articolazioni e di questi dubbi avremmo voluto discutere anche noi. Altro che assenza ingiustificata e di ritornare accompagni dai genitori.

PARLAMENTARI M5S: PRESENTAZIONE DELLA ZES VERIFICA DI FINE PRIMO QUADRIMESTRE MOLTO SONORA E ROBOANTE

È una questione di eleganza e prassi politica: noi non siamo abituati a introdurci in casa d’altri senza essere stati invitati. Chi si fregia del titolo di giornalista, altro esempio, quando firma un articolo dovrebbe ricordare che ci sono onori e oneri. Uno degli oneri è di indagare se un gruppo politico sia stato invitato o meno, contattando, semplicemente, gli organizzatori. Così prima di prendere le presenze alla lezione e parlare di “buco nero degli assenti” tirando in mezzo anche l’assenza del commissario del comune di Corigliano Rossano Domenico Bagnato. Dall’elenco dei partecipanti è chiaro che s’è trattato di una ennesima passerella che, nei fatti, non porta nulla al territorio.

Se anche la presentazione della Zes sia stata una delle tante operazioni per procacciare voti prendendo in giro i cittadini la risposta la si è già avuta ad inizio marzo. È stata una verifica di fine primo quadrimestre molto sonora e roboante che ha fatto capire che per gran parte della politica calabrese i voti non sono buoni. Se è così allora avete ragione: non è “roba” per grillini e professionisti da processione. La vecchia politica fatta di convegni, chiacchiere e processioni è stata già ampiamente punita. Il M5S ha eletto ben quattro parlamentari nella zona e faremo sentire chiaramente la nostra, sia nelle aule che sul territorio. Come abbiamo fatto in passato e stiamo già facendo. Intanto, politici, organizzatori e giornalisti che si occupano dei registri delle presenze, intanto, si considerino pure rimandati a settembre.

Commenta

commenti