Home / Ambiente / Parco Nazionale della Sila: prima ed. di “Pompieropoli”, campagna di sensibilizzazione ambiente boschivo

Parco Nazionale della Sila: prima ed. di “Pompieropoli”, campagna di sensibilizzazione ambiente boschivo

Ottima riuscita della Prima Edizione di “Pompieropoli” nel Parco nazionale della Sila, campagna di sensibilizzazione sul concetto di rischio in ambiente boschivo e domestico rivolta ai bambini di età compresa tra i tre ed i tredici anni

Parco Nazionale della Sila.  Ottima riuscita della Prima Edizione di “Pompieropoli” nel Parco nazionale della Sila, campagna di sensibilizzazione sul concetto di rischio in ambiente boschivo e domestico rivolta ai bambini di età compresa tra i tre ed i tredici anni Lorica, 17 maggio 2019 – Ha riscosso grande successo e partecipazione, nonostante le condizioni climatiche poco favorevoli dei giorni scorsi, nella splendida cornice del Lungolago di Lorica, la Prima Edizione di “Pompieropoli” nel Parco nazionale della Sila. L’Ente Parco, da tempo, porta avanti numerosi interventi e progetti aventi finalità di educazione, sensibilizzazione di carattere ambientale, in sintonia e sinergia con tutti i principali Attori Istituzionali, Associazioni e/o portatori di interessi comuni sulle tematiche ambientali operanti sul territorio ricompreso nell’Area protetta del Parco.

La Prima Edizione di “Pompieropoli” nel Parco Nazionale della Sila, volta a sensibilizzare i bambini dai tre ai tredici anni sul concetto di “rischio”, sia in ambiente domestico/scolastico che in ambiente naturale e/o antropizzato, è finalizzata a stimolare i bambini ed i ragazzi a prendere coscienza e riconoscere situazioni ambientali “pericolose” ed essere pronti ad attivare reazioni comportamentali idonee a garantire l’incolumità propria ed altrui. Oggi, sulle sponde del Lago Arvo, in una fresca e soleggiata mattinata, l’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco Sezione di Cosenza ha allestito alcuni percorsi acrobatico-sensoriali creati per simulare potenziali fattori di rischio, percorrendo i quali i bambini, tramite il gioco, sono stati stimolati a riconoscere ed affrontare nel migliore dei modi le situazioni di pericolo in cui potrebbero incorrere nella vita quotidiana.

Alla manifestazione, voluta e finanziata dall’Ente Parco nazionale della Sila e patrocinata dal Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Cosenza, dall’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale – Sezione di Cosenza e dall’Amministrazione Comunale di San Giovanni in Fiore, hanno dato un fattivo contributo: il Raggruppamento Carabinieri Parco – Reparto P.N. Sila, l’Associazione delle Guide Ufficiali del Parco nazionale della Sila, l’ANPAS CROCE VERDE di San Giovanni in Fiore ed il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Servizio Regionale Calabria.


Commenta

commenti