Home / Attualità / Parco “Magna Grecia – Sibaritide”, da idea a possibile progetto

Parco “Magna Grecia – Sibaritide”, da idea a possibile progetto

di FRANCO MAURELLA

madonna_armiDa idea a progetto definito il passo non è breve ma non è detto che la realizzazione del Parco naturalistico e archeologico della “Magna Grecia – Sibaritide”, non possa diventare realtà.
Ed ancor più, potrebbe rappresentare il primo passo per un progetto piu’ complesso di unificare in un solo Parco tematico le bellezze naturalistiche, architettoniche e archeologiche di Calabria, Basilicata e Puglia jonica. Come per tutti i progetti ambiziosi, occorre crederci per avere possibilità di realizzarli.
E, al momento, ci credono i soggetti che hanno partecipato ad un incontro preliminare in cui l’ambientalista lucano, Felice Santarcangelo, ha illustrato iter e prospettive del Parco tematico naturalistico “Magna Grecia – Sibaritide”. Ospiti del “Salice Resort” di Corigliano Calabro, hanno preso parte all’incontro, in rappresentanza di associazioni e operatori turistici, Natale Falsetta, presidente del Cotaj (Consorzio operatori turistici Alto Jonio) e Antonio De Septis, presidente onorario dello stesso Cotaj; Antonello De Santis, lucano di Tursi e presidente della Rete Italia Jonica; presidenti e rappresentanti dei Club Unesco di Cosenza e di Trebisacce.
Tra i sindaci e gli amministratori del comprensorio, hanno partecipato all’incontro l’assessore alla cultura del comune di Corigliano, Tommaso Mingrone, il consigliere comunale Maria Vittoria Liguori, in rappresentanza del comune di Cerchiara, i sindaci di Cassano allo Jonio, Gianni Papasso, di Trebisacce, Francesco Mundo, di Francavilla Marittima, Leonardo Valente, di Villapiana, Paolo Montalti, accompagnato dall’assessore al turismo Stefania Celeste.
Nell’illustrare l’idea progettuale, Felice Santarcangelo ha evidenziato i motivi per i quali dare vita al Parco della Magna Grecia Sibaritide.
Motivi che partono dalla tutela e valorizzare dell’enorme patrimonio naturalistico, storico, archeologico, enogastronomico e alimentare della fascia Jonica della Sibaritide e del suo immediato entroterra.
Si parla dei siti archeologici di Sibari, di Timpone della Motta e Macchiabate di Francavilla Marittima, di Broglio di Trebisacce. Si parla anche di termalismo con le Terme di Cassano e quelle della Grotta delle Ninfe di Cerchiara; del Distretto agroalimentare di Corigliano,; delle potenzialità turistiche di eccellenza di Villapiana.
Un progetto aperto a new entry perché non si può lasciare fuori Rossano, oggi attrattore turistico primario grazie al Codex patrimonio Unesco ed altri territori. Ma per cominciare ed avviare il progetto, bisogna essere in pochi e per ottenere i risultati occorre che i comuni della Magna Grecia facciano rete ed abbiano un unico biglietto da vista da presentare al mondo esterno. Tutto questo affinché il turista o l’operatore economico abbia un punto di riferimento per individuare un’area dell’Italia a molti sconosciuta. Dall’idea al progetto.
Come realizzarlo? Si dovrebbe partire con la creazione di un Parco regionale che unisca le are archeologiche, naturalistiche, storiche e i centri collinari della Sibaritide. I comuni che dovrebbero dare vita alla prima fase del Parco sono quelli che hanno partecipato all’incontro e che hanno aspetti comuni quali l’archeologia, il termalismo, il turismo religioso ed altro.
L’obiettivo primario è di appartenere in un futuro prossimo, come comprensorio della Magna Grecia Sibarita, al patrimonio dell’Unesco. Aspirazione che ha portato, sin da subito, al coinvolgimento dei Club Unesco di Cosenza e di Trebisacce, organico, quest’ultimo, al comprensorio di interesse.
Il progetto mira a fare del marketing territoriale su un patrimonio che non ha avuto negli anni la debita considerazione storica, culturale ed economica. Il riferimento alla Magna Grecia al momento è circoscritto alla Sibaritide, con l’area archeologica di Sibari considerata dagli storici come il secondo patrimonio archeologico italiano, il quinto nel mediterraneo e il decimo nel mondo.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*