Home / Ambiente / Parco della Sila, modello governance territoriale

Parco della Sila, modello governance territoriale

parco della sila La visibilità nazionale ed internazionale conquistata dal Parco della Sila in questi ultimi anni attraverso importanti e prestigiosi riconoscimenti; la rete di proficue relazioni costruite e consolidate con il territorio e con tutte le istituzioni; l’ottenimento (nel 2011) da parte di Europarc – Federazione europea dei parchi e delle aree naturali protette della Carta Europea del Turismo Sostenibile; l’essersi dotato di numerosi strumenti di pianificazione. E poi ancora l’intensa attività di comunicazione e di promozione del territorio e l’attività di ricerca e di conservazione della biodiversità rafforzata nei rapporti con gli atenei calabresi e italiani.

PARCO DELLA SILA

Gli investimenti diversi effettuati per rendere più piacevole e fruibile il territorio del Parco, i finanziamenti per le scuole e per il turismo sociale finalizzati a destagionalizzare i flussi turistici. (con 21 mila pernottamenti all’anno nell’ultimo triennio negli alberghi dei comuni del Parco) Il fruttuoso percorso di concertazione con il Dipartimento Ambiente della Regione Calabria per l‘utilizzo dei fondi europei dal quale è scaturita l’approvazione di numerosi progetti. Infine, l’approvazione (nel 2004) dell’iscrizione del MAB SILA quale 10a Riserva (355 mila ettari) della Biosfera Italiana nella Rete Mondiale dei siti UNESCO; la costituzione della Fondazione MAB SILA (col compito di gestire la Riserva) e da ultimo il parere favorevole della commissione nazionale italiana per l’UNESCO sulla proposta di candidatura denominata “Sila Forest Ecosystems” per il 2019.

SONIA FERRARI

 Ad illustrare metodi, iniziative, strategie di lavoro e soprattutto i risultati dell’attività del Parco Nazionale della Sila negli ultimi anni è stata il Commissario Straordinario Sonia FERRARI; intervenuta stamani (venerdì 2 febbraio) al workshop dal titolo GOVERNANCE E ORGANIZZAZIONE TURISTICA, DALL’ESPERIENZA DEL TRENTINO UN’OPPORTUNITÀ PER LA CALABRIA. Primo momento di confronto che ha aperto l’evento L’ALTA VIA DEL GUSTO TRENTINO promosso dalle Camere di Commercio di Cosenza e di Trento. Ospitato fino a DOMENICA 4 nel CASTELLO DUCALE, a CORIGLIANO.

Quello del Parco della Sila  (il terzultimo nato in Italia) – ha aggiunto – può essere considerato a tutti gli effetti un modello regionale e nazionale virtuoso. Di riferimento per la governance del territorio; per la promozione della sostenibilità ambientale, dei turismi e per il contributo prezioso alla rivitalizzazione delle aree urbane e dei borghi storici ricadenti nel suo territorio o ad esso limitrofe. Siamo di fronte ad una esperienza recente ed importante della quale – ha concluso la FERRARI – si può andare orgogliosi, guardando al futuro.

Commenta

commenti