Home / Attualità / Parapiglia in pronto soccorso: necessario intervento delle forze dell’ordine

Parapiglia in pronto soccorso: necessario intervento delle forze dell’ordine

Intanto nel presidio di Rossano si accalcano file di utenti in attesa di cure ma mancano medici e anche infermieri

Una mattinata infernale al Pronto soccorso del “Giannettasio” di Rossano finita con l’intervento delle Forze dell’Ordine allertate dagli utenti per sedare gli animi surriscaldati.

Da quanto si è avuto modo di apprendere pare che a metà mattinata sia giunta nel presidio una malata oncologica, accompagnata dai familiari, in condizioni critiche. I sanitari hanno subito applicato il protocollo previsto in questi casi facendo accomodare la donna all’interno della sala triage per una prima valutazione del caso. A quel punto pare che la signora abbia accusato un malore e da li si sarebbe surriscaldati gli animi dei familiari appunto che chiedevano l’intervento urgente dei medici. Che in quel momento erano tutti impegnati in altre sale.

Ne è venuta fuori una vera e propria reazione a catena e i tantissimi utenti in fila, in attesa di essere visitati hanno iniziato tutti (o quasi) a lamentarsi per la lentezza delle prestazioni sanitarie. Una situazione che ha richiesto persino l’intervento delle forze dell’ordine che ha subito placato il parapiglia.

Ma per il pronto soccorso di Rossano si tratta di un’ordinaria giornata di follia. Quanto accaduto oggi è ormai divenuta prassi che – ahinoi – non fa più nemmeno notizia. Quasi a cadenza quotidiana si verificano situazione di questo genere. Oggi aggravate dal fatto che è diminuito ancora di più il numero dei medici e, di conseguenza, anche quello degli infermieri.

Il perché di questa ennesima decurtazione di personale non è dato sapere. Certo, lasciare il Pronto soccorso sguarnito di personale in un periodo come questo, che sta facendo registrare un numero di presenze quasi triplicato rispetto agli altri anni, è davvero pura follia.


Commenta

commenti