Home / Breaking News / Papa (IdM): incendi, prima che arrivi il peggio

Papa (IdM): incendi, prima che arrivi il peggio

papaLa piaga degli incendi boschivi – è ormai un dato di fatto – necessita di adeguata e tempestiva attività di prevenzione. Lo ribadisce Raffaele Papa, del coordinamento provinciale de L’Italia del Meridione. Secondo il quale “bisogna preoccuparsi tutti e prima; mettendo in atto ciò che serve per prevenire i disastri che ogni estate si verificano. È questo il senso dell’iniziativa che l’Italia del Meridione ed il Consigliere Regionale Orlandino Greco hanno realizzato nei giorni scorsi a Verbicaro; ma che porteranno in tutta la provincia di Cosenza e l’intera regione Calabria. Lo stesso Orlandino Greco in data 10 ottobre 2017 ha presentato un proposta di legge regionale ad oggetto “Prevenzione partecipata di disastri ambientali in Calabria”, attualmente in discussione nelle commissioni di competenza.

Come indicato nella suddetta proposta di legge gli incendi creano ingenti danni in tutti i territori e necessitano di essere affrontati con il coinvolgimento di tutti i cittadini in un programma di prevenzione diffuso e partecipato. Plauso è stato espresso al comitato spontaneo di cittadini che, già attivi sul territorio, sono disponibili e pronti a fronteggiare ogni evenienza; non possono però essere lasciati soli dalle istituzioni, che invece, devono accompagnarli e sostenerli fornendo loro mezzi e strutture. Spesso all’origine di questi disastri vi è l’abbandono di luoghi ed ambienti da parte di proprietari e le motivazioni sono le più diverse, così come non bisogna trascurare la matrice dolosa e criminale.

PAPA: UNA LEGGE PER METTERE AL CENTRO CITTADINI E TUTELA DEL TERRITORIO

Con questa legge, si vogliono mettere al centro della tutela del territorio, i cittadini residenti, nonchè gli enti interessati e prossimi; facendone delle sentinelle dei propri ambienti. E’ auspicabile quindi l’approvazione di quando proposto. Sono indubbiamente necessarie risorse umane e finanziarie, di certo inferiori, all’enorme spesa che viene annualmente sostenuta per provvedere allo spegnimento e ripristino dei luoghi. Per non parlare dei rischi alla vita umana. Basta solo ricordare che un ora di canadair costa all’incirca 15.000,00 euro.

Non perdiamo altro tempo, la stagione calda è alle porte e necessitano interventi concreti e rapidi, diversamente saremo costretti a subire ed assistere inermi, allo scempio delle meraviglie naturali cui siamo circondati ed il danno continuerà ad essere notevole.

Commenta

commenti