Home / Attualità / Palestre chiuse e a rischio apertura: «Preferisco sospendere le attività»

Palestre chiuse e a rischio apertura: «Preferisco sospendere le attività»

Centri sportivi, palestre, potranno riaprire entro il 25 maggio. Ecco come vivono la ripresa gli istruttori fitness di Corigliano Rossano

DI MARTINA CARUSO

Tra i like e le dirette per una lezione di aerobica e un corso di spinning, gli istruttori di fitness si interrogano sul futuro del loro mondo e del loro lavoro: le palestre quando riapriranno? Come riapriranno? Ci sarà il contatto?

Restano punti interrogativi per un settore che «guadagna se lavora».

Sono passati ormai mesi dalla chiusura delle palestre, ricorreva il mese di marzo, ma la ripresa sembra essere davvero lontana: «E’ difficile, soprattutto per noi istruttori che viviamo davvero il contatto, stiamo in palestra ad un metro? Un metro non è niente».

Tutto fermo. Ma nei giorni scorsi, il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, ha indicato nel 25 maggio la data per la riapertura, seguendo tuttavia precise regole.

La regola base per la riapertura delle palestre dal 25 maggio non può che riguardare il distanziamento: distanza interpersonale minima adeguata all’ intensità dell’esercizio, comunque non inferiore a 2 metri; per tutti, però, la mascherina deve essere sempre a disposizione.

«Si riuscirà a fare attività fisica con la mascherina? La respirazione, parte fondamentale dell’esercizio fisico, sarà problematica»

In attesa di ulteriori chiarimenti, il comparto fa i conti con una difficile realtà. E nella città di Corigliano Rossano, infatti, c’è chi preferisce astenersi dall’apertura: «I mesi estivi a cui andremo incontro, hanno da sempre mostrato un calo di iscritti a causa delle alte temperature. Ora che è presente il fattore pandemico, è impossibile gestire l’ambiente chiuso della palestra. Non ci sono le condizioni necessarie».

Un sistema per il ricambio d’aria forzato, quello che dovrà essere presente nelle strutture sportive, che non tutti riescono a garantire a causa dei costi elevatissimi. Pare evidente, perciò che a Corigliano Rossano si continuerà a svolgere attività fisica all’aperto, respirando aria salutare, magari nella location preferita, di fonte al mare.


 

 

Commenta

commenti