Home / Attualità / Ospedale di Rossano: non solo malasanità. La gratitudine di una famiglia, agli operatori sanitari

Ospedale di Rossano: non solo malasanità. La gratitudine di una famiglia, agli operatori sanitari

di SAMANTHA TARANTINO

OSPEDALE DI ROSSANOE’ vero. In questa Regione siamo troppo abituati a raccontare il degrado, l’incuria o semplicemente il sovraffollamento dei Pronto Soccorso e dei reparti. A descrivere con dovizia di particolari i casi di malasanità, usando e troppo spesso abusando di un termine, che sembra coniato appositamente per noi gente del Sud. Certo, siamo abituati sin da piccoli a rivolgerci al più “evoluto” Nord, per tutto. E con quella rassegnazione che ormai sembra averci tolto ogni speranza, ecco che si parte alla ricerca di cure, affrontando spese e disagi notevoli. Eppure in questa terra e in questa città, Rossano, piegata in due ed allo stremo, soprattutto in campo sanitario, accade che si dica Grazie.

Il grazie che la famiglia Avolio vuole far arrivare ai professionisti che, durante la malattia della loro amata Mamma Pasqua, li hanno supportati in questo percorso estenuante. Una lettera che tocca il cuore. In cui al dolore per la perdita, si affianca la fiducia e l’incondizionato sostegno che la famiglia ha ricevuto.

OSPEDALE DI ROSSANO: LA LETTERA DI RINGRAZIAMENTO DELLA FAMIGLIA AVOLIO

“Un grazie sentito – dice Maddalena Avolio, figlia della signora Pasqua, medico all’Ospedale Compagna di Corigliano – a tutto il personale dei reparti di Nefrologia /Dialisi e Cardiologia dell’Ospedale Nicola Giannettasio di Rossano. Purtroppo non sempre si può guarire. Ci sono malattie che nonostante le cure sempre più moderne, inesorabilmente conducono alla morte. La mia famiglia desidera esprimere tutta la nostra gratitudine per quei professionisti dell’Ospedale di Rossano che ci hanno sostenuto nel nostro doloroso percorso di accompagnamento, nei vari ricoveri, della nostra cara, al momento del suo decesso avvenuto il 17 gennaio di quest’anno.

Non si è trattato solo di eccellenza professionale. Ma anche e soprattutto di umanità, conforto, sostegno e affetto nei miei confronti esteso all’intera mia famiglia. Un Grazie vero per essere riusciti a creare quell’empatia tra voi e la nostra cara mamma Pasqua. Lei, mamma aveva cieca fiducia nel vostro operato. Anche per questo sento il dovere di ringraziare la direttrice della U.O. di Nefrologia e Dialisi, la dottoressa Teresa Cicchetti ed il primario del Reparto di Cardiologia e U.T.I.C, il dottore Saverio Salituri. Per le loro competenze, disponibilità, ma soprattutto per l’ottima gestione dei reparti”.

OSPEDALE DI ROSSANO: GRAZIE ANCHE AL PERSONALE SANITARIO DI ALTRI OSPEDALI DEL TERRITORIO

“Ritengo doveroso estendere la nostra gratitudine al personale medico ed infermieristico del reparto di Dialisi dell’Ospedale di Trebisacce. Il personale del reparto di Medicina degli Ospedali di Corigliano e Rossano. Grazie ai Pronto Soccorso di Corigliano e di Rossano. Al 118.  Agli infaticabili Volontari della Misericordia, per la loro gentilezza e disponibilità dimostrateci. E il reparto di Rianimazione del Nosocomio di Rossano.

Tra loro qualcuno è noto. Ma sono tanti coloro che lavorano nell’ombra con indubbia serietà e professionalità. Ed infine un affettuoso ringraziamento alle operatrici sanitarie Pina Calienni, Mina Vaglica e Suora Evangelina. Per tutto l’affetto e le attenzioni che hanno dimostrato nei confronti della mamma nei vari ricoveri.

Un Grazie di cuore a voi Tutti”.

Commenta

commenti