Home / Attualità / Oscar green 2016, premiato l’Itis – Ita – Ipa di Rossano

Oscar green 2016, premiato l’Itis – Ita – Ipa di Rossano

oscar-greenProseguono a pieno ritmo le attività presso l’Istituto di istruzione superiore Iti – Ita – Ipa di Rossano. La scuola guidata dalla dirigente Pina De Martino, oltre alle consuete attività didattiche, effettua sistematicamente tante attività di carattere extracurriculare.  Fra le tante iniziative realizzate c’è da registrare la partecipazione attiva alla decima edizione di Oscar Green, il premio promosso da Coldiretti giovani impresa. Un’iniziativa che mira a valorizzare  quei giovani  che hanno scelto per il loro futuro l’agricoltura. Obiettivo dell’iniziativa è promuovere le idee innovative di giovani agricoltori che mirano a valorizzare il proprio territorio coniugando tradizione e innovazione. Sono state cinque le aziende agricole calabresi premiate, oltre a 2 menzioni speciali, nel corso dell’evento finale del Premio che si è svolto nella cornice dell’agriturismo Biosila di Acri.
Per la categoria ‘Paese Amico’, riservata a scuole e comuni, ad avere il riconoscimento è stato proprio l’Istituto d’istruzione superiore Itis-Ita-Ipa di Rossano, con il progetto ‘La cultura della biodiversità’, realizzato in collaborazione con Coldiretti, l’Associazione scientifica biologi, Crea-Oli Unical, Arsac e l’Ordine degli agronomi di Cosenza. Tale progetto nasce per tutelare il patrimonio genetico della zona di Rossano e coinvolge gli agricoltori, i biologi e agronomi che analizzano i Dna delle piante rinvenute e gli alunni dell’Istituto dove sono custodite le piante fungendo da ‘banca’ del Dna locale. Emblema del progetto è l’olivo Leucocarpa, particolare per il colore bianco nelle sue olive mature, il cui olio era usato nell’antichità per i riti religiosi.

Le classi 1^, 2^ e 3^, coordinate dal prof. Giovanni Mastrangelo Direttore dell’Azienda  dell’Istituto Tecnico Agrario “F. Silvestri” di Rossano hanno scoperto, nel corso di alcune esercitazioni, la presenza di cinque esemplari di piante di olivo con drupe bellissime di un colore avorio chiarissimo. Da intense ricerche si è appreso trattarsi di una  specie chiamata Leucocarpa ormai rara. Così l’azienda dell’Istituto tecnico Agrario di Rossano ha voluto studiare e valorizzare questi meravigliosi esemplari.

La biodiversità del territorio e del paesaggio e i servizi eco-sistemici che ne derivano sono i principi cardine del progetto che ha la finalità di promuovere la gestione sostenibile delle risorse e del territorio, la tutela del paesaggio autoctono e degli habitat, mediante pratiche agricole sostenibili, pur mantenendo, al tempo stesso, uno sguardo lucido e attento alle esigenze produttive del settore primario.

E per mantenere vivo il passaggio dalla tradizione all’innovazione promosso dall’Oscar Green, gli studenti impegnati nel progetto hanno scoperto che, la leucocarpa,  ai tempi della Magna Grecia, era diffusa in tutta la Calabria, soprattutto nei pressi dei “monasteri basiliani. La pianta della leucocarpa veniva chiamata , all’epoca, “leucolea”, che significa appunto “bianca oliva”, per la caratteristica delle sue drupe che restano di colore bianco anche quando raggiungono la piena maturazione. Da tali olive si ottiene un olio chiarissimo, che in passato era chiamato “Olio del Crisma”.

Con l’aiuto della Coldiretti di Rossano e dell’Azienda Rivitti, è stata così effettuata la raccolta e prodotto un certo quantitativo di olio. Ispirandosi e collegandosi all’evento che ha riempito di sano orgoglio il  territorio rossanese con il riconoscimento del Codex Purpureus di Rossano Patrimonio dell’Umanità dall’Ubeso, all’olio estratto dalle drupe della Leucocarpa si è dato proprio il nome di “Olio del Codex”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*